Maricetta
Ero in giro per fare un po di street con il mio amico Giuseppe e per provare il mio “nuovo” 56 mm. (Infatti lo scatto è più stretto di quello che avrei voluto) Abbiamo fatto un giro all’Albergheria, storico quartiere della città (tanto importante da dare il nome ad uno dei “cantoni” dei Quattro Canti). Un luogo arricchito da tanti bei murales che raccontano storie di vita e di personaggi famosi. E’ stato allora che l’ho visto. Certo non era la prima volta che lo vedevo, ma era la prima dal “vivo” e ne ho scoperto la storia. Toccante e triste. E Giulia, la bimba che voleva danzare, mi è entrata nel cuore. Un tragico incidente stradale se l’è portata via ad appena 6 anni e adesso danza sicuramente nel cuore. Ma Giulia, da oggi danzerà anche nel mio di cuore e credo proprio che lo farà anche nel cuore di tutti quelli che nel quartiere la conoscevano e che hanno fatto di tutto affinché si potesse realizzare quest'opera di Igor Scalisi Palminteri. Chiederò a Giulia di danzare per me ogni volta che sarò triste e sono certa che lo farà. N.B. Chiedo scusa a Nikon. Se lo scatto è stato realizzato con la fotocamera di un altro brand
niconit
Senso uditivo, olfattivo senso unico ma, con la pioggia il senso è di silenzio.
niconit
Contrasto elevato in un cielo piacevole.
giulysabry
D810 180mm Af-D f/2.8 1/640 6400iso
niconit
La pianta si stringe, nell' ultimo abbraccio al cemento, come x dire...lasciami vivere.
niconit
Quando le nuvole scendono sulla città, il cielo si fa bello, come la luce che emanano.