FORUM NIKONCLUB

Condividi le tue conoscenze, aiuta gli altri e diventa un esperto.

Chiudi
TITOLO*
DOMANDA*
AREA TEMATICA INTERESSATA*
2 Pagine: V   1 2 >  
Appunti Di Fotografia Naturalistica (1^parte)
Mini corso a dispense
Rispondi Nuova Discussione
Fabio Blanco
Messaggio: #1

Fotografia Naturalistica
1^ Parte


Questo è il primo 3d di una serie di discussioni che avranno come tema la Fotografia Naturalistica: un piccolo corso per chi vuole imparare o migliorare le proprie conoscenze in questa "specialità della fotografia". Uno spazio dove apprendere le tecniche migliori e i trucchi per fotografare i nostri amici animali e i luoghi dove vivono, realizzando immagini emozionanti e ricche di suggestione.
Ogni "lezione" potrà essere approfondita da voi tramite condivisioni di esperienze e quesiti a cui risponderò con piacere. Spero che queste righe interessino tanto chi muove i primi passi in questo mondo quanto chi vuole apprendere qualcosa in più, a chi vuole perfezionare le sue capacità e a chi desidera avere la possibilità di confronto, poiché il confronto è la base della crescita.

Immagine ridimensionata: clicca sull'immagine per vederla con le dimensioni originali.
Leopardo (Tanzania) - Immagine digitale Nikon D2X, ob. Nikkor AFS 300 f/4 + TC17, flash SB800

Il corredo fotografico adatto: Corpi Reflex e Obiettivi.
Da quando è nata la fotografia l'attrezzatura dedicata alla fotografia naturalistica è cambiata, la tecnologia ha portato un aiuto importante al fotografo naturalista: il primo passo è stato l'autofocus, poi l'esposimetro TTL per l'esposizione della luce Flash e infine l'avvento della grande era del digitale. Ma una cosa non è mai cambiata negli anni: i soggetti.
Gli animali non hanno cambiato i loro comportamenti, le loro abitudini, i luoghi della loro vita. Così si è costretti a levate mattutine pressoché notturne, a camminate in ambienti gelidi o magari all'immobilità, fermi tra nugoli di zanzare in un capanno sotto il sole cocente, con la speranza di realizzare quell'unico scatto che in un attimo ci farà dimenticare le fatiche sopportate. Per affrontare le nostre uscite fotografiche, certi di trarre il massimo risultato dalla nostra attrezzatura, sarà utile conoscere, oltre alle regole fondamentali della fotografia, anche l'animale e l'ambiente che andremo a ritrarre. Ma cominciamo proprio dall'attrezzatura con cui realizzare le immagini che abbiamo in mente. Prima di tutto, reflex 35mm. Il corpo macchina dovrà essere necessariamente reflex: una compatta risulta avere tempi di reazione troppo lenti e il soggetto ci scapperebbe troppo frequentemente; un medio formato, pur avendo una grande qualità, è ingombrante e non facile da usare, insomma non è per tutti.
Nell'ambito di un corredo Reflex si usa distinguere le seguenti tre categorie.
- Entrylevel
- Semipro
- Professionali


La scelta del corpo macchina
L'acquisto deve essere fatto in base alle prospettive di utilizzo: è inutile effettuare spese smodate, ma al contempo bisogna essere coscienti che una macchina robusta, con una costruzione adeguata ai luoghi che vorremo raggiungere, offrirà più sicurezza ed efficienza.

- Entrylevel: adatte a un uso saltuario e in ambienti non estremi. (D40 – D50 – D60 – D80)
- Semipro: macchine più robuste capaci di affrontare anche situazioni difficili. (D200 – D300)
- Professionali: corpi macchina senza compromessi, robuste e veloci, il massimo della tecnologia. (serie D2 e D3)
Un corpo base sarà adatto più ad un viaggio turistico, una semipro invece potrà offrire più garanzie se si tende a un uso assiduo. (anche se un corpo, come la D70 che uso come seconda macchina, continua a funzionare regolarmente dopo svariati viaggi/spedizione in vari angoli della terra)
Il corpo macchina dovrà avere i comandi e le funzioni il più possibile raggiungibili direttamente dai pulsanti e dalle ghiere esterne, lasciando ai menu le opzioni meno usate.
Normalmente le funzioni indispensabili sono:- selezione tipologia di scatto (singolo-continuo)
- selezione tipologia di messa a fuoco (manualesingolo-continuo)
- scelta tipo di esposizione (zonale-semispot-spot)
- impostazione della sensibilità (valore iso)
La regola è che un corpo macchina migliore non migliora una foto, ma darà la possibilità e i mezzi tecnici per realizzarla.

Quali ottiche scegliere invece sono un discorso molto più complicato. Ottiche fisse, zoom, tele, grandangoli, micro, sono solo alcune delle tipologie di obiettivi utilizzabili per ritrarre la natura. Le combinazioni possibili sono molteplici e anche i prezzi possono essere accessibili o molto dispendiosi. Qualunque sia la nostra disponibilità, la scelta dovrà essere effettuata seguendo la ricerca della massima luminosità dell'obiettivo e preferendo le ottiche fisse.
Ma quali sono i tre corredi più adatti ai tre livelli di applicazione descritti?
Corredo Entrylevel
Se ci si sta avvicinando alla fotografia naturalistica o se lo scopo dei nostri scatti fotografici è la semplice documentazione delle escursioni e dei viaggi della nostra vita, dovremo orientarci verso ottiche comode e il più possibile multifunzionali, con un occhio però alla qualità. Spesso consiglio l'acquisto di ottiche usate che a fronte di una spesa più contenuta garantiscono la stessa qualità ottica di obiettivi nuovo: ovviamente occorre utilizzare alcuni accorgimenti nell'acquisto. Un grandangolo dai 18mm ai 28mm sarà utile a documentare gli ambienti visitati (anche se scopriremo che i paesaggi si possono anche ritrarre con i teleobiettivi).
Un'ottica cosiddetta normale (50mm) con una buona luminosità (f/1.8) sarà adatta a soggetti più facili e nel caso la luce scarseggi. Queste ottiche base hanno costi accessibili e lo schema di costruzione semplicee ormai collaudato garantisce una buona qualità.
Un teleobiettivo adatto ad avvicinare i soggetti più lontani e gli animali più piccoli o diffidenti ci farà comodo. La lunghezza focale minima necessaria è di 300mm e può essere raggiunta anche tramite l'utilizzo di un pratico zoom 70-300: se ne trovano in commercio anche di discreta qualità a prezzi accessibili, elementi come la messa a fuoco ad ultrasuoni ed il sistema di riduzione delle vibrazioni sono elementi preferenziali.
Corredo Semipro
Le ottiche che possono far parte di un corredo di questo tipo sono veramente molte e chi si appresta ad acquistare un obiettivo per questo tipo di attrezzatura ha varie possibilità di scelta.Le ottiche da preferire sono fisse e luminose, specie per i teleobiettivi. I costi sono maggiori, ma raggiunti certi traguardi la ricerca della qualità diventa un elemento importante.
Luminoso è sinonimo di qualità e anche gli zoom non fanno eccezione: cercare tra le ottiche grandangolari un obbiettivo come il 12-24 f/4 Nikon può essere una scelta corretta.
Un'ottica con focale intorno ai 50mm luminosa ovviamente non deve mai mancare nel corredo.
Uno zoom medio tele di buona luminosità (magari f/2.8) con focali comprese tra i 70 e i 200mm neanche.
Un'ottica tele fissa con focale 300mm e un diaframma pari a f/4 possono essere una scelta azzeccata, specie se si abbina un moltiplicatore di focale non troppo spinto TC14 EII o TC17 EII
Ultimo consiglio, un'ottica micro per quando il soggetto appartiene al microcosmo.
Corredo Pro
Questo corredo deve permettere di ricavare sempre il massimo da ogni situazione e deve dare garanzia di funzionamento
in ogni ambiente: spesso si tratta di ottiche pesanti, ingombranti e certamente costose, ma sono queste le ottiche che ogni fotografo naturalista sogna.
Spesso sono ottiche fisse, perché di qualità indiscussa, con aperture massime pari a f/2.8 con motori AF ad ultrasuoni e sistemi di stabilizzazione ottici delle immagini (VR).
Per la scelta di un corredo professionale si ha molte ottiche a disposizione; specie nei teleobiettivi si trovano focali come il 300 f/2.8 il 500 f/4 o il 600 f/4. Ovviamente la scelta difficilmente potrà cadere su tutte quelle elencate, spesso si deve fare una scelta.
Comunque le ottiche di un corredo di tale livello sono molte e sarà poi il fotografo a decidere, a seconda del caso, quale portare con sé, scegliendo in base all'esperienza e alle conoscenze del soggetto che vorrà ritrarre.

IPB Immagine
Fagiano (Monfalcone) - Immagine digitale Nikon D2x, ob. Nikkor AFS 500 f/4

Prossimamente presenterò le indicazioni per sfruttare al massimo le proprie attrezzature. Indicheremo come migliorare il corredo fotografico esistente e proporremo le tecniche più adatte per fotografare i nostri soggetti preferiti.
ANTONIO1973
Messaggio: #2
Ciao Fabio,
ti stavo seguendo su oasis, ma ho visto che il mese scorso non hai continuato. Ok, adesso continuerò qui. Una domanda: le dispense verranno poi raccolte in un pdf? altrmenti inizio a scaricare già da ora e poi me le organizzo.
Saluti e grazie per la disponibilità
Antonio
Fabio Blanco
Messaggio: #3
Ciao Antonio,
grazie per avermi seguito sulla rivista, e chiudo qua la parentesi Oasis dove lascio alcuni amici.

Per ciò che riguarda la tua domanda, la risposta è affermativa: le dispense verranno raccolte in documenti uffiali che saranno inseriti nel Nikon School di due o tre capitoli che racchiuderanno le varie discussioni di volta in volta bubblicate sul Foruml.

Il vantaggio delle dispense pubblicate sul Forum: quello di sviluppare con gli utenti i temi affrontati.

Ciao.
stella.degli.angeli
Messaggio: #4
bellissimo Franco, io me lo sono già stampato, mi sto appassionando molto a questo tipo di fotografia...solo che nella mia città sono un po' limitata mad.gif mi piacerebbe molto più un viaggio mirato !

davvero un ottimo lavoro e grazie per tutti questi preziosi consigli
fabryxx
Messaggio: #5
Gran bel lavoro Fabio, la tua innata passione per la foto naturalistica ti spinge sempre a nuovi progetti, ed io che seguo sempre i tuoi consigli, non mancherò di certo a seguire anche questa volta la tua lodevole iniziativa, sicuro che porterà nuovi apprendimenti per quella che è diventata la mia passione per la naturalistica grazie.gif
Utente cancellato
DEREGISTRATO
Messaggio: #6
Grazie Fabio, seguirò con attenzione perchè m'interessa proprio...!!!

grazie.gif
danidisa
Messaggio: #7
Ottima idea... seguirò appassionato

daniele
Fabio Blanco
Messaggio: #8
Sono felice che il progetto sia apprezzato.
Se qualcuno avesse qualche domanda o curiosità che vuole approfondire sul tema sarò lieto di poter essere utile in maniera diretta.

gianz
Messaggio: #9
Interessante!
Seguo con attenzione!
Nicola Verardo
Messaggio: #10
ciao fabio felice di risentirti e di rileggerti, anche se so che non te ne sei mai andato, ma i tuoi interventi e foto sono sempre stati di estremo interesse ... seguiro anche questo 3D con rinnovata curiosità.

un salutone
a_faggioli
Messaggio: #11
Mi associo all'interesse per questo argomento.

Grazie per la tua disponibilita'. grazie.gif

Ale
Red Roby
Messaggio: #12
Bravissimo. Aspetto con ansia i pdf.
Ciao
maurizioricceri
Messaggio: #13
Fabio, ottima iniziativa.
ANTONIO1973
Messaggio: #14
Ciao, inizio con le prime domande:
1) obiettivi: come da te accennato la qualità si raggiunge con otticche fisse e luminose, però specie con animali veloci ed in certe situazioni non sarebbe meglio un zoom es il 200 400 che un 300 0 500 fissi?. Un esempio banale potrebbero essere i gatti che ci sono nelle vicinanze di casa mia;con il loro muoversi in continuazione, diventa difficile riprenderli con un otticca fissa e non hai neanche il tempo di fare cambi. Certo la fotografia naturalistica insegna che bisogna aver pazienza e magari con un appostamento a breve distanza i risultati si potrebbero ottenere ugualmente, ma quando sei allo scoperto o devi cogliere l'attimo, forse uno zoom ti aiuta. Detto questo la qualità dei fissi non si discute.

2)Rapporto costi qualità: la differenza qualitativa tra ad es un 300 f.4 e un 300 f.2.8 e tale da giustificarne una diversità così elevata di costò?.
Molti naturalisti preferiscono il 500, però con quello che costa (specie il nuovo vr) riuscirei quasi a prendere un 300 2.8 +tc 1.7 ed una d3. E' un ragionamento sbagliato, sopratutto in termini qualitativi finali?
Grazie.
Antonio
Fabio Blanco
Messaggio: #15
Ciao Antonio,
ti rispondo subito e con piacere.
Il tuo primo quesito è giusto ed è comunque necessario uno zoom, il più possibile luminoso. Nella spiegazione dei corredi il mio non voleva essere un mero elenco di ottiche, infatti noterai che mancano le ottiche macro e altri obiettivi che spesso si trovano in un corredo di un fotografo naturalista. Quello che mi interessava far capire e che le ottiche fisse e luminose sono, ovviamente, da preferire e spesso è opportuno preferire il peso alla leggerezza se si vuole avere il massimo.
Per ciò che riguarda l'uso di zoom anche di qualità ottima, come il da te citato 200-400 vr, sono alquanto restio se non i rari e abbastanza ben circostanziati casi: in particolar modo del 200-400.
Per mia esperienza il 200-400, per la sua escursione focale, è un ottica comoda con i grandi mammiferi (italiani e africani) ma con un AF decisamente lento se paragonato alle ottiche fisse di stessa categoria: questo è dovuto alle lenti preposte all'AF che in uno zoom di tali dimensioni sono molto pesanti e quindi con un'inerzia di movimento veramente notevole e al fatto che un F/4 .
Una composizione si può sempre fare anche con un ottica fissa (magari più stretta o più larga, ma un'immagine sfuocata perchè l'AF non è stato veloce come il soggetto: rimane un'immagine sfuocata.

Il secondo quesito chiede se i prezzi giustificano qualitativamente la spesa di un'ottica più performante e mette a confronto due coppie di ottiche.
Se consideriamo puramente la qualità ottica e meccanica i due confronti si risolvono entrambi nettamente per le ottiche più professionali. Infatti il 300 f/2.8 con la sua maggiore luminosità ha la possibilità di sfruttare maggiormente l'AF e mantiene un margine di moltiplicazione con i TC decisamente maggiore.
Altri sono i vantaggi del 300 f/4, come la leggerezza e la trasportabilità.
Se poi confrontiamo un 500 f/4 e un 300 f/2.8+TC17, posso solo dire che la seconda soluzione è vantaggiosa solo se si considera la versatilità di avere un solo obiettivo e sfruttare due focali.
A 500mm non c'è paragone di qualità, in più, con una spesa minima rispetto l'acquisto del 500 si può prendere un semplice TC14 ottenendo dal 500 un ottimo 700 f/5.6: irraggiungibile dal 300 f/2.8 con qualsiasi TC.
Come dici tu molti fotografi naturalisti preferiscono il 500 piuttosto che un 300 con il TC, questo e dovuto anche all'esperienza che ha fatto preferire tale soluzione.
Personalmente, in assoluto, preferisco il 600 perchè i mm non sono mai troppi, se si preferisce il 500 normalmente è perchè è leggermente più maneggevole.

Avrò sicuramente modo di spiegare pregi, difetti e modo di utilizzo dei più usati obbiettivi.

Se hai altri dubbi chiedi pure.
marcelus
Messaggio: #16
QUOTE(Fabio Blanco @ Feb 15 2008, 11:22 AM) *
.........
Se qualcuno avesse qualche domanda o curiosità che vuole approfondire sul tema sarò lieto di poter essere utile in maniera diretta.


sarebbe interessante traslare la tua esperienza anche nel quotidiano...mi spiego

probabilmente non tutti potremmo andare in qualche posto esotico più di una volta, e quindi potrebbe tornare utile "esercitarsi" con quello che il quotidiano offre, tipo: laghi, campagna o riserve.


grazie


ad esempio, Alessia, a roma potrebbe ritrarre le pantegane rolleyes.gif
ANTONIO1973
Messaggio: #17
QUOTE
Avrò sicuramente modo di spiegare pregi, difetti e modo di utilizzo dei più usati obbiettivi.

Se hai altri dubbi chiedi pure.


Grazie Fabio,
prima di fare altre domande, preferisco aspettare le tue successive spiegazioni, per evitare ripetizioni degli argomenti.
Ciao
Antonio
AldoGermano
Messaggio: #18
Aspetto con molto interesse le successive dispense, questo è un argomento che mi interessa molto.
Ho un' atrezzatura entry level (D80+70-300 VR), mi chiedevo se per questo genere di fotogrfia il VR può sostituire il cavalletto o se un buon treppiede (o magari un monopiede) è comunque necessario.
Aldo
marelligianluca.com
Messaggio: #19
Splendido 3d : lo seguirò con estremo interesse.
Volevo farti un paio di domande :

1) Io possiedo F6 e D200 ed entrambe fanno un rumore non indifferente quando ribaltano lo specchio.
Mi è capitato qualche volta (poche a dir la verità) che il soggetto, sufficientemente vicino per fortuna ai fini della foto , fosse disturbato dal rumore e seppur non vedendomi (credo) ne ha causato la fuga.
Ovviamente in questo caso disporre di ottiche più tele e professionali aiuta ... immagino però che corpi macchina più professionali non migliorino il problema, ma presentino lo stesso rumore nel ribaltamento...

2) Dato l'elevato costo di ottiche tele, al momento il mio compromesso è un 70-200vr + tc-20 E II ... ma esiste la possibilità di noleggio di ottiche più performanti, magari per il solo we e quale potrebbero essere i prezzi?

Grazie e al prossimo aggiornamento

Gianluca
Fabio Blanco
Messaggio: #20
QUOTE(AldoGermano @ Mar 8 2008, 07:40 AM) *
Aspetto con molto interesse le successive dispense, questo è un argomento che mi interessa molto.
Ho un' attrezzatura entry level (D80+70-300 VR), mi chiedevo se per questo genere di fotografia il VR può sostituire il cavalletto o se un buon treppiede (o magari un monopiede) è comunque necessario.
Aldo

Il VR può dare una mano in ogni caso, ma un buon treppiede non può essere sostituito dal VR, anche perchè è praticamente necessario in alcuni casi (vedi fotografia macro).
La differenza tra un immagine a mano libera e una realizzata con l'uso del treppiede è sempre visibile, specie al di sotto del 1/500 di sec. di tempo di otturazione.
Il monopiede lo uso pochissimo e difficilmente viene utilizzato in foto da capanno, per lo più lo si usa in montagna, ma non sempre, io preferisco appoggiarmi a rocce e alberi.

Nel prossimo capitolo parlerò appunto degli accessori.
Fabio Blanco
Messaggio: #21
QUOTE(Caos @ Mar 8 2008, 03:19 PM) *
Splendido 3d : lo seguirò con estremo interesse.
Volevo farti un paio di domande :

1) Io possiedo F6 e D200 ed entrambe fanno un rumore non indifferente quando ribaltano lo specchio.
Mi è capitato qualche volta (poche a dir la verità) che il soggetto, sufficientemente vicino per fortuna ai fini della foto , fosse disturbato dal rumore e seppur non vedendomi (credo) ne ha causato la fuga.
Ovviamente in questo caso disporre di ottiche più tele e professionali aiuta ... immagino però che corpi macchina più professionali non migliorino il problema, ma presentino lo stesso rumore nel ribaltamento...

2) Dato l'elevato costo di ottiche tele, al momento il mio compromesso è un 70-200vr + tc-20 E II ... ma esiste la possibilità di noleggio di ottiche più performanti, magari per il solo we e quale potrebbero essere i prezzi?

Grazie e al prossimo aggiornamento

Gianluca

La D200 è una delle macchine più silenziose che conosco tra le attuali, il suo rumore è tra i più ovattati.
La D2x e la D3 hanno un rumore più secco.
In commercio esistono delle "copertine" che attutiscono il rumore dello specchio, ma non sono molto usate!

Per ciò che riguarda l'affitto di ottiche so che era possibile noleggiare delle ottiche per tempi più o meno limitati, ma al momento non so chi lo faccia, mi dispiace.
Fabio Blanco
Messaggio: #22
Ecco la seconda parte
alino67
Messaggio: #23
QUOTE(ANTONIO1973 @ Feb 13 2008, 08:04 PM) *
Ciao Fabio,
ti stavo seguendo su oasis, ma ho visto che il mese scorso non hai continuato. Ok, adesso continuerò qui. Una domanda: le dispense verranno poi raccolte in un pdf? altrmenti inizio a scaricare già da ora e poi me le organizzo.
Saluti e grazie per la disponibilità
Antonio

idem come sopra e non vedo l'ora di poter vedere i pdf grazie.gif riuscite a dare su questo forum tutto quello che ci serve per crescere, fotograficamente, ed il bello è che in cambio avete solo i nostri elogi, siete favolosi grazie.gif e ancora grazie, non ci sono abbastanza parole per ringraziare
bergian
Messaggio: #24
Ciao Fabio,
sto leggendo con interesse i tuoi consigli e, guarda caso ne avrei bisogno uno anch'io:
dovrei andare a fare un tour in Sudafrica, compreso i sfari fotografici, e come apparecchitura ho una D300 + 18-200 VR e vorrei appunto un consiglio su come e con cosa eventualmente completare il set (avrei pensato ad un potente tele fisso ma mi lascia perplesso il fatto che la maggior parte delle foto di animali le dovrò scattare dal fuoristrada senza poter usare qualche sorta di appoggio se non le spalle di mia moglie).
Spero che con le tue esperienze possa soddisfare i miei dubbi e nel frattempo continuerò a seguirti aspettando le prossime uscite.

Ti ringrazio in anticipo e ti saluto.
maxtroiano
Messaggio: #25
QUOTE(bergian @ Apr 20 2008, 06:56 PM) *
Ciao Fabio,
sto leggendo con interesse i tuoi consigli e, guarda caso ne avrei bisogno uno anch'io:
dovrei andare a fare un tour in Sudafrica, compreso i sfari fotografici, e come apparecchitura ho una D300 + 18-200 VR e vorrei appunto un consiglio su come e con cosa eventualmente completare il set (avrei pensato ad un potente tele fisso ma mi lascia perplesso il fatto che la maggior parte delle foto di animali le dovrò scattare dal fuoristrada senza poter usare qualche sorta di appoggio se non le spalle di mia moglie).
Spero che con le tue esperienze possa soddisfare i miei dubbi e nel frattempo continuerò a seguirti aspettando le prossime uscite.

Ti ringrazio in anticipo e ti saluto.


Posso darti il mio consiglio.....sono stato anche io in Sudafrica a fare safari....

La prima cosa che mi ha detto il ranger alla partenza del primo safari vedendomi con un tele montato...."...non ti serve uno zoom così potente ma un ottimo grandangolo" !!!!!!!

In effetti aveva ragione.....in questo tipo di safari ti portano talmente vicino agli animali che un obiettivo normale può benissimo bastare......

Secondo me, se non cerchi la perfezione delle ottiche pro, il tuo 18-200 basta e avanza.....puoi fare panorami e ottime riprese da lontano senza cambiare ottica e quindi salvaguardando il tuo sensore....ripeto, se non sei in cerca delle ottiche pro.....
Piuttosto, un grandangolo più spinto sarebbe meraviglioso, tramonti e cieli limpidi nella savana....un mito!!!

Se vai nella mia galleria, trovi l'album delle foto che ho fatto durante il mio viaggio di nozze in Sudafrica.....avevo portato con me 12-24 e 70-210 f/4....

Saluti Max rolleyes.gif

Messaggio modificato da maxtroiano il Apr 21 2008, 03:21 PM
 
Discussioni simili Iniziata da Forum Risposte Ultimo messaggio
Si Parte! twinsouls NIKON SUSHI BAR 30 08-11-2006 09:14
Foto In Parte A Colori E In Parte In Bianco E Nero ninomiceli Software 3 30-10-2008 17:54
Si Parte.... skywilly NIKON SUSHI BAR 2 23-03-2006 00:52
Non Si Parte.... deroncis Paesaggio 1 05-12-2006 17:32
Si Parte! CDT NIKON LIFE 0 14-10-2004 12:22
2 Pagine: V   1 2 >