FORUM NIKONCLUB

Condividi le tue conoscenze, aiuta gli altri e diventa un esperto.

Chiudi
TITOLO*
DOMANDA*
AREA TEMATICA INTERESSATA*
2 Pagine: V   1 2 >  
Lo Scatto Del Professionista
Rispondi Nuova Discussione
farmacist
Messaggio: #1
Buonasera a tutti.
Probabilmente il titolo è un po' provocatorio, ma l'argomento mi è stato suggerito dopo l'ennesima “discussione” con un mio amico il quale sostiene che l'unico modo corretto di scattare foto sia in manuale.
Personalmente non la penso così, credo che l'uso del manuale o dell'automatico dipenda dalle circostanze. Amo tantissimo la priorità di diaframma e ieri (anche per imparare a padroneggiarla) mi sono divertito con l'iso auto, cambiando di volta in volta le impostazioni a seconda dell'obiettivo.
Ogni qual volta ci confrontiamo non mancano mai le frasi “devi scattare solo in manuale”, “ma usi ancora gli automatismi?”, come se l'uso degli automatismi ponesse il fotografo un gradino più in basso rispetto a chi scatta esclusivamente in manuale. In parole povere solo i principianti usano gli automatismi. Ora sia ben chiaro io, empirico autodidatta, mi considero un principiante, più o meno evoluto, di sicuro in continua evoluzione.
Però a questo punto, da principiante, mi chiedo se così è, cioè i professionisti usano solo il manuale e i principianti gli automatismi, che senso ha fornire corpi macchine di migliaia di euro destinati ai pro di automatismi?
Che qualcuno mi illumini
lacernia
Messaggio: #2
Non credo di poterti illuminare ma ti porto una testimonianza personale, ho iniziato nel 1972 con una Nikon F2 usata e ovviamente a quel tempo gli automatismi dovevano ancora essere pensati, pertanto eri obbligato ad usare la macchina in manuale.
La pellicola, con la necessità di processi di sviluppo successivi, non ti permetteva di vedere subito il risultato e sommato al fatto che i fotogrammi a disposizione in un rullino erano 36 e la pellicola costava, eri costretto a pensare, a studiare la luce, ragionare sul valore di diaframma da impostare, etc prima di premere il pulsante di scatto.
Nessun fotografo sprecava pellicola.
Oggi grazie ai supporti di memoria riutilizzabili vedo scatti e raffiche inutili, tanto se non mi piace poi cancello, quello che si stà perdendo è l'approccio vecchio stile alla fotografia, pertanto credo che il tuo amico si riferisca alla considerazioni di cui sopra, scatta il manuale per avere il tempo di capire cosa vuoi ottenere.
Gli automatismi sono un supporto eccellente al fotografo pensa solo alla difficoltà, lavorando in manuale, di mettere a fuoco su un entry level con un obiettivo poco luminoso, oppure al contrario metti correttamente a fuoco con F1,4 facilmente avrai corretto il naso e non corretto l'occhio o le orecchie.
Leggo spesso nei forum di gente che scatta solo in manuale, forse fà "figo" ma è come tornare a casa e usare solo la luce della candela rifiutando quanto ci offre l'energia elettrica.
farmacist
Messaggio: #3
Buonasera Lacernia
Personalmente uso il manuale quando credo che questo possa essermi utile, soprattutto in quelle situazioni dove ho il tempo di ragionare, oltre a quando gironzolo per casa e inizio a scattare foto a quello che mi capita a tiro con l’intento appunto di padroneggiare diaframmi tempi ecc. ecc.

Il punto qui è fra chi sostiene che i “bravi” usano sempre e solo il manuale e guardano dall’alto in basso i “meno bravi” che usano gli automatismi.
Concordo pienamente con te col pensare che molta gente scatta in manuale perché fa più figo.
A me interessa solo il risultato e il divertimento che provo quando scatto una foto. Però ogni tanto mi piace anche fermarmi e chiedermi: “Starò facendo nel modo corretto?”
luigi67
Messaggio: #4
Ebbene si,lo confesso la modalità manuale non la uso quasi mai messicano.gif

per il mio genere di foto,più o meno d'azione uso spesso la priorità di diaframmi,con un occhio sempre sui tempi,se non sono quelli che voglio io mi regolo con il tasto dell'esposizione o modificando gli ISO,....in caso di panning priorità di tempi e basta,più sono lenti e meglio è biggrin.gif

poi mi capita di fare qualche foto paesaggistica o statica e per pigrizia uso sempre la priorità di diaframmi

Saluti,Gigi

Messaggio modificato da luigi67 il Sep 21 2020, 11:25 PM
Alessandro Castagnini
Staff
Messaggio: #5
E’ il mondo dell’apparire...
- scattare in M è da pro (dire di scattare in M fa figo!)
- usare Photoshop è da pro (dire di usare Photoshop fa figo)
- etc, etc.

Ad un pro interessa portare a casa la pagnotta e certe pippe mentali le lascia agli altri smile.gif
Quindi, se questo vuoi dire usare gli automatismi, ben vengano:)

Ciao,
Alessandro.
Antonio Canetti
Messaggio: #6
Manuale o Automatismo siamo agli ordini dell'esposimetro, che si centri l'ago dell'esposimetro con la "fatica delle dita" o con l'aiuto dell'elettronica, abbiamo seguito le indicazioni dell' esposimetro, non si può scegliere la tripletta tempo/diaframma/iso a casaccio!
anche con l'automatismo dobbiamo sceglierne due impostazioni e l'esposimetro ci da il terzo, perciò, ripeto, siamo al sevizio dell'esposimetro, la vera manualità è sta nel scegliere come sovra o sottoesporre una determinata scena anche soprattutto se si usano gli automatismi.
sinceramente col digitale faccio più foto "pensate" che con l'analogico, col la famosa F4 mi affidavo di più a lei che sul digitale, oggi scatto osservo il risultato e aggiusto il tiro sia come esposizione che composizione...e li arrivano le imprecazioni per che il risultato non è quello che voglio e li giù prove...

Antonio

Messaggio modificato da Antonio Canetti il Sep 22 2020, 06:23 AM
lupaccio58
Messaggio: #7
QUOTE(Alessandro Castagnini @ Sep 22 2020, 07:18 AM) *
Ad un pro interessa portare a casa la pagnotta e certe pippe mentali le lascia agli altri smile.gif
Quindi, se questo vuoi dire usare gli automatismi, ben vengano:)

Parole sante guru.gif guru.gif
albe62
Messaggio: #8
Ovviamente dipende in che campo opera il professionista. Giustamente quello che conta è ottenere il risultato, quello che ha in mente e quello a cui lavora. E quindi il professionista sfrutta il mezzo che ha a disposizione in tutti i modi possibili.
Comunque una cosa che ho imparato dai professionisti è che proprio di queste "menate" non se ne fanno! smile.gif

Ognuno sviluppa la sua tecnica in funzione del proprio progetto.

Detto ciò, io che sono uno scarso foto amatore, fotografo praticamente sempre in manuale
Il motivo per cui scatto in manuale è dovuto al fatto che normalmente non riesco ad ottenere quello che voglio in automatico.
Spesso litigo con l'elevato contrasto tra il cielo e il paesaggio o ritraggo persone in ambienti scuri.

So che sbaglio perchè dovrei cercare una luce migliore e non fotografare quando la luce non va bene. Ma purtroppo devo adattarmi al tempo libero. Quando andrò in pensione sperimenterò dell'altro. smile.gif

sarogriso
Messaggio: #9
Sinceramente se parliamo di esposizione auto o manuale io non trovo tutto questo abisso tra le due procedure, già andando ad impostare delle zone di lettura a dimensione variabile, usare dei tasti più o meno dedicati per fissare l'esposizione e poi ricomporre, andando magari ad agire anche su una compensazione Ev, sapere quali sono i limiti della terna iso-f-tempo da cui non uscire per quel tipo di scatto in iso auto o meno, sapere semplicemente impostare la giusta priorità per quel tipo di scatto, ecc. ecc. ,tutte queste cose "auto" io le ritengo operazioni Manuali a tutti gli effetti e anche se vanno ad interagire con degli automatismi della macchina ma questi non sono stati impostati a dovere la ciofeca esce in egual misura come da una impostazione in M nativa, ovviamente parere personale. smile.gif

Ciao
Saro
dnovanta
Messaggio: #10
io credo che ci sia un equivoco di base su tutto il discorso:
usare un automatismo (quando si ha cognizione di causa, ovviamente) significa sapere come quello lavora e sfruttarne la velocita'. Usare la priorita' tempi o diaframmi (semiautomatismo) significa sapere che tu vuoi scegliere la nitidezza del tempo breve oppure il controllo della profondita' di campo in primis.
Quando si inizia e' normale usare l'automatismo completo P, anche per capire come la reflex si comporta, dopo la scelta diventa piu' oculata e motivata.
Bi
Falcon58
Messaggio: #11
QUOTE(Alessandro Castagnini @ Sep 22 2020, 07:18 AM) *
E’ il mondo dell’apparire...
- scattare in M è da pro (dire di scattare in M fa figo!)
- usare Photoshop è da pro (dire di usare Photoshop fa figo)
- etc, etc.

Ad un pro interessa portare a casa la pagnotta e certe pippe mentali le lascia agli altri smile.gif
Quindi, se questo vuoi dire usare gli automatismi, ben vengano:)

Ciao,
Alessandro.


Ti dirò che non è una questione di figo o quant'altro, ho frequentato per qualche tempo l'ambiente Pro di foto sportiva auto e moto, usare il manuale in questi casi è particolarmente utile; usando la macchina in automatico, con quale priorità non ha importanza, l'esposizione della foto viene troppo falsata da quello che è la riflettenza del soggetto. Spesso con soggetti molto chiari, si rischia di non tirare fuori i pneumatici dall'asfalto, mentre se al contrario il soggetto è scuro, si brucia completamente lo sfondo. Occorre acquisire un po' di esperienza su dove andare a misurare la luce; magari sull'asfalto nelle vicinanze di un cordolo (occhio perchè se l'asfalto è nuovo e molto scuro si rischia di cannare l'esposizione) oppure il vecchio metodo di misurare la luce sul palmo della propria mano. L'esposizione, in poche parole deve essere legata alla luce che illumina il soggetto (luce incidente) e non quella che riflette il soggetto stesso (luce riflessa), certo che se si trova a lavorare in quelle giornate di tempo variabile con alternanza di sole pieno e nuvole ci si fa un mazzo notevole, ma il risultato è garantito. Se si vuole per forza usare la macchina in automatico, occorre avere l'accortezza di usare la compensazione dell'esposizione, con l'esposizione di default, difficilmente l'esposizione sarà giusta, specialmente se si usa la misurazione matrix.

Ciao

Luciano
dnovanta
Messaggio: #12
QUOTE(Falcon58 @ Sep 22 2020, 12:28 PM) *
Ti dirò che non è una questione di figo o quant'altro, ho frequentato per qualche tempo l'ambiente Pro di foto sportiva auto e moto, usare il manuale in questi casi è particolarmente utile; usando la macchina in automatico, con quale priorità non ha importanza, l'esposizione della foto viene troppo falsata da quello che è la riflettenza del soggetto. Spesso con soggetti molto chiari, si rischia di non tirare fuori i pneumatici dall'asfalto, mentre se al contrario il soggetto è scuro, si brucia completamente lo sfondo. Occorre acquisire un po' di esperienza su dove andare a misurare la luce; magari sull'asfalto nelle vicinanze di un cordolo (occhio perchè se l'asfalto è nuovo e molto scuro si rischia di cannare l'esposizione) oppure il vecchio metodo di misurare la luce sul palmo della propria mano. L'esposizione, in poche parole deve essere legata alla luce che illumina il soggetto (luce incidente) e non quella che riflette il soggetto stesso (luce riflessa), certo che se si trova a lavorare in quelle giornate di tempo variabile con alternanza di sole pieno e nuvole ci si fa un mazzo notevole, ma il risultato è garantito. Se si vuole per forza usare la macchina in automatico, occorre avere l'accortezza di usare la compensazione dell'esposizione, con l'esposizione di default, difficilmente l'esposizione sarà giusta, specialmente se si usa la misurazione matrix.

Ciao

Luciano


Forse l'autore del post si riferiva piu' al tipo di program che al tipo di misurazione della luce, anche se giustamente pure quello e' importante. Ma usare il matrix con un controluce e' un problema sia in program che in manuale...
Bi
farmacist
Messaggio: #13
Buongiorno
Effettivamente mi riferivo all’uso degli automatismi quali A,P,S,M.
Personalmente rimango dell’idea che non si debba snobbare nessuno di essi,dando ad uno un significato più nobile rispetto agli altri, ma anzi bisogna imparare ad usare ognuno di essi quando la necessità lo richiede. Se ho il tempo di ragionare posso usare M (certo magari chi ha un occhio più allenato impiegherà 1/2 secondo ad impostare là reflex mentre io impiegherò più tempo), se non ho questo tempo uso un automatismo (o forse è più corretto chiamarli semi-automatismi?).
L’uso del manuale per imparare ad usare al meglio il triangolo dell’esposizione è un discorso e mi trova assolutamente d’accordo, ma non è di questo che stavo parlando.
dnovanta
Messaggio: #14
dipende molto anche dalle "esperienze pregresse".
Io che iniziai con una f801 con pellicola diapo sono abituata a ad usare la messa a fuoco sul punto singolo e poi con ilk pulsante premuto a meta' a comporre la foto, gli iso li imposto all'inizio e difficilmente li cambio, se non cambiano cosi' tanto le condizioni di luce, ovviamente. Uso prevalentemente la priorita' diaframmi perche' anche se ora con il mirino elettronico della z6 vedo gia' la profondita' di campo direttamente nel mirino (mi piace da morire il focus peacking della z6 che evidenzia le zone a fuoco e da' un controllo della profondita' veramente super) ero abituata a valutarlo a seconda del diaframma impostato. Spesso uso l'esposizione in spot. In controluce mai il matrix e quasi mai la media con prevalenza centrale, che se metti il soggetto sul terzo fa un casino......
Chi viene dall'analogico e con macchine "antiche" di solito e' piu' abituato ad automatizzare in testa prima che sul corpo macchina (l'ho detto d menta ma non saprei come meglio spiegarlo) .... alla fine pero' cio' che conta e' il risultato. Ma credo che anche gli automatismi necessitino di un ragionamento prima dell'uso: se componi con un controluce il P ti dara' difficilmente una foto corretta. Ma anche M non e' semplice da usare se non lo usi mai..... e' piu' comodo, per me, usare A o S, io imposto due parametri e la z6 il terzo parametro, che poi ruotando semplicemente la ghiera posso variare la coppia e sto a posto. ....In fondo pure gli automatismi li abbiamo pagato con la macchina fotografica... messicano.gif perche' non usarli? E comunque, come capita a tanti, basta dire che la foto l'hai scattata in M e bona li'..... messicano.gif
Bi
Stanchino
Messaggio: #15
QUOTE(farmacist @ Sep 21 2020, 10:19 PM) *
... sostiene che l'unico modo corretto di scattare foto sia in manuale.

Che qualcuno mi illumini


M e varie misurazioni spot consentono un controllo molto buona, ma se usi l'esposimetro a luce incidente e non riflessa migliori ancora, se aggiungi pannelli riflettenti ecco che controlli pure le ombre ma anche le luci, se poi usi anche i flash allora fai quel che vuoi.
Se non puoi fare tutte queste cose e capita spesso, molto spesso, gli automatismi ti possono aiutare in molte condizioni di rapida variabilità delle condizioni.
RosannaFerrari
Messaggio: #16
QUOTE(farmacist @ Sep 22 2020, 03:19 PM) *
Buongiorno
Effettivamente mi riferivo all’uso degli automatismi quali A,P,S,M.
Personalmente rimango dell’idea che non si debba snobbare nessuno di essi,dando ad uno un significato più nobile rispetto agli altri, ma anzi bisogna imparare ad usare ognuno di essi quando la necessità lo richiede. Se ho il tempo di ragionare posso usare M (certo magari chi ha un occhio più allenato impiegherà 1/2 secondo ad impostare là reflex mentre io impiegherò più tempo), se non ho questo tempo uso un automatismo (o forse è più corretto chiamarli semi-automatismi?).
L’uso del manuale per imparare ad usare al meglio il triangolo dell’esposizione è un discorso e mi trova assolutamente d’accordo, ma non è di questo che stavo parlando.

Sono d'accordo
Anche se è da un po' che uso M per la quasi totalità dei miei scatti....sono masochista messicano.gif desidero avere il massimo controllo della macchina, ma se serve anche la priorità di diaframmi non è da disdegnare....come pure gli Iso Auto...
Il saper utilizzare bene A P S M presuppone comunque una conoscenza dei risultati che ciascun automatismo è in grado di restituire...
I professionisti sono i primi ad utilizzarli quando servono, e ritengono funzionali ai risultati che vogliono ottenere
I professionisti sono i primi a non crearsi fisime mentali in tal senso...il cliente che commissiona il lavoro vuole il risultato e paga per questo...non gli interessa cosa si è usato, e come lo si è usato, per portarlo a casa
Ve li immaginate i servizi fotografici nei palazzetti dello sport, teatri, i matrimoni....dove l'azione si svolge con una rapidità tale che se perdi tempo a cambiare i parametri la perdi per strada?

Insomma...chi sostiene che solo chi scatta in manuale è professionista....e chi con automatismi è poco più di un fotografo della domenica....beh...forse non ha ben presente come funziona il rutilante mondo della fotografia

Messaggio modificato da RosannaFerrari il Sep 22 2020, 06:13 PM
R9positivo
Messaggio: #17
L'importante è realizzare lo scatto che si ha in mente..........e a volte per realizzarlo non ci sono alternative al manuale, come invce a volte non ci sono alternative agli automatismi.
Ma dov'è il problema? Un fotografo deve conoscere e saper usare la propria macchina sia in manuale che in automatico a seconda delle necessità.
sarogriso
Messaggio: #18
QUOTE(RosannaFerrari @ Sep 22 2020, 07:10 PM) *
Insomma...chi sostiene che solo chi scatta in manuale è professionista....e chi con automatismi è poco più di un fotografo della domenica....beh...forse non ha ben presente come funziona il rutilante mondo della fotografia

Se ci fai caso questa storia del manuale pro e dell'auto mezza cartuccia periodicamente si ripresenta, con l'occasione saltano fuori tutte le varie forme di pensiero e poi torna allo stato larvale per un paio d'anni per poi sfarfallare nuovamente, un po' come i maggiolini. cool.gif

...quella del fuoco manuale o af è un po' che manca ma arriverà, se la gioca con il jpg on camera o da post. biggrin.gif

Ciao
Saro
farmacist
Messaggio: #19
QUOTE(sarogriso @ Sep 22 2020, 10:24 PM) *
...quella del fuoco manuale o af è un po' che manca ma arriverà, se la gioca con il jpg on camera o da post. biggrin.gif

Ciao
Saro


Wow mi hai dato l’ispirazione per il prossimo post messicano.gif
farmacist
Messaggio: #20
QUOTE(sarogriso @ Sep 22 2020, 10:24 PM) *
...quella del fuoco manuale o af è un po' che manca ma arriverà, se la gioca con il jpg on camera o da post. biggrin.gif

Ciao
Saro


Wow mi hai dato l’ispirazione per il prossimo post messicano.gif

Scherzi a parte è sempre bello sentire pareri altrui, ancor più bello quando si riesce a prender spunto per migliorare grazie.gif
RosannaFerrari
Messaggio: #21
QUOTE(sarogriso @ Sep 22 2020, 10:24 PM) *
Se ci fai caso questa storia del manuale pro e dell'auto mezza cartuccia periodicamente si ripresenta, con l'occasione saltano fuori tutte le varie forme di pensiero e poi torna allo stato larvale per un paio d'anni per poi sfarfallare nuovamente, un po' come i maggiolini. cool.gif

...quella del fuoco manuale o af è un po' che manca ma arriverà, se la gioca con il jpg on camera o da post. biggrin.gif

Ciao
Saro

Ma si, le solite questioni di lana caprina...da bar messicano.gif
A me è capitato di sentir parlare un tipo alle mie spalle, un giorno, che bisbigliava qualcosa del tipo che ero scema a usare il flash in pieno giorno...
Peccato che stavo usando il fill-in di schiarita sul volto di mia figlia che era messa in controluce...
Niente oh!
Il flash in pieno giorno un s'ha da fa' messicano.gif

È il preconcetto, a tagliare le vene...in fotografia, come in qualsiasi altro argomento

Messaggio modificato da RosannaFerrari il Sep 22 2020, 09:46 PM
luigi67
Messaggio: #22
QUOTE(sarogriso @ Sep 22 2020, 10:24 PM) *
Se ci fai caso questa storia del manuale pro e dell'auto mezza cartuccia periodicamente si ripresenta, con l'occasione saltano fuori tutte le varie forme di pensiero e poi torna allo stato larvale per un paio d'anni per poi sfarfallare nuovamente, un po' come i maggiolini.

...quella del fuoco manuale o af è un po' che manca ma arriverà, se la gioca con il jpg on camera o da post.

Ciao
Saro


messicano.gif

..però Saro,ci sarebbe qualcosa di nuovo,...visto che ci sono delle macchine nuove,la serie Z per la precisione,...con il mirino elettronico che vedi quello che realmente viene salvato nella scheda di memoria,ti toglie anche il gusto di cancellare le foto on camera dopo lo scatto messicano.gif

e parlano sempre della serie Z , scattare i manuale non dovrebbe essere più un problema,neanche per un principiante biggrin.gif


QUOTE(RosannaFerrari @ Sep 22 2020, 10:42 PM) *
Ma si, le solite questioni di lana caprina...da bar
A me è capitato di sentir parlare un tipo alle mie spalle, un giorno, che bisbigliava qualcosa del tipo che ero scema a usare il flash in pieno giorno...
Peccato che stavo usando il fill-in di schiarita sul volto di mia figlia che era messa in controluce...
Niente oh!
Il flash in pieno giorno un s'ha da fa' messicano.gif

È il preconcetto, a tagliare le vene...in fotografia, come in qualsiasi altro argomento


...eppure Rosanna io li ho visti,tutti canonisti però,e non usavano il flash per schiarire le ombre,il più delle volte erano scatti panoramici messicano.gif

Saluti,Gigi


erosb
Messaggio: #23
"Il flash in pieno giorno un s'ha da fa' "

Ma se riprendi la Luna di notte, c'e vuole!!!!

Altrimenti quando lo usi.
rolleyes.gif
erosb.
albe62
Messaggio: #24
QUOTE(luigi67 @ Sep 22 2020, 11:16 PM) *
...
e parlano sempre della serie Z , scattare i manuale non dovrebbe essere più un problema,neanche per un principiante biggrin.gif


Non così semplice, non c'è tutta questa corrispondenza da ciò che vedi nel mirino prima dello scatto e la foto che ottieni. Almeno questo è quello che percepisco io che comunque porto gli occhiali e magari non ho una vista affidabile. messicano.gif


lupaccio58
Messaggio: #25
La questione nasce da un certo snobismo, oltre che da forma mentis, e mi spiego. Molti non considerano che l'esposimetro della fotocamera è sempre lo stesso, qualsiasi sia il metodo di misura usato. Se per ipotesi la corretta esposizione (in M manuale) si ha a 1/125 f 8 potete star tranquilli che misurando con A (priorità dei diaframmi) e selezionando f 8 l'esposimetro vi restituirà un tempo di scatto di 1/125. Così come misurando con S (priorità dei tempi) e selezionando 1/125 l'esposimetro restituirà un diaframma pari a f 8. A titolo di esempio per il mio modo di fotografare (statico) è perfetto A, salendo o scendendo di diaframma mi gioco la DOF desiderata e il bokeh. Chi scatta in modalità dinamica troverà senz'altro più vantaggioso usare S, imposta il tempo desiderato e la reflex adegua automaticamente il diaframma. E se capita un fuori standard basta usare la compensazione dell'esposizione. Insomma, a dirla tutta, il modo M è a mio opinabile avviso il più lento in assoluto e quello meno produttivo. E lo dice uno che ha giocato per decenni con la F2 e la FM, quindi con l'esposizione totalmente manuale (e senza l'ausilio dell'Auto ISO) era in confidenza assoluta. Ma poi... poi sono arrivate FA (che ha introdotto il matrix) e F3, e da quel momento per fortuna il fotografo ha avuto vita più facile! guru.gif

Messaggio modificato da lupaccio58 il Sep 23 2020, 07:58 AM
 
Discussioni simili Iniziata da Forum Risposte Ultimo messaggio
Guadagno Professionista luxferronis NIKON SUSHI BAR 47 14-05-2006 15:21
Professionista joezan Foto a tema libero 22 15-09-2005 15:10
Come Si Diventa Professionista? rogia80 NIKON SUSHI BAR 7 25-05-2006 10:44
Un Professionista.... simone_chiari NIKON SUSHI BAR 4 15-09-2008 13:15
Fotografo Professionista gruppostoricofn TECNICHE Fotografiche 3 02-04-2006 09:15
2 Pagine: V   1 2 >