Risultato della ricerca: nikon
AlbertoGhizziPanizza
Ho portato la Nikon Z9 tra i deserti della Spagna per fare qualche prova in notturna e devo constatare che la differenza con le precedenti Z in termini di usabilità è abissale. In notturna la Z9 ha la possibilità di attivare da menù la voce "visualizzazione luce stellare" che tramite un rallentamento del refresh del liveview permette di vedere nell'oscurità quasi totale (Vedi foto di esempio nei commenti). In questo modo il confronto con le altre fotocamere è davvero impietoso per queste. Utilizzando questa modalità ed i pulsanti retroilluminati la fotografia notturna è decisamente più semplice. Prima della Z9, per capire bene cosa stavo fotografando nel buio, facevo uno scatto ad altissimi ISO e qualche secondo per capire l'inquadratura. Ora questo non serve più perché vedo meglio sul display della Z9 che con i miei occhi. La possibilità inoltre di utilizzare anche tempi più lunghi dei 30", fino a 900" come sulle ultime Z, è molto comodo e non ci costringe ad usare la modalità bulb o time. Un grave difetto che ho però trovato è che il display oled di stato sopra il corpo della Z9, per altro più grande e ricco di informazioni rispetto alle altre Z, si spegne sempre dopo aver cominciato l'esposizione. Diversamente dalle altre Z non si riescono a più a vedere le impostazioni di scatto il conteggio dei secondi che mancano al termine dell'esposizione. Dalle tantissime opzioni della fotocamera è sparito, o almeno non ho più trovato, il menù delle impostazioni del pannello oled. Spero che in un prossimo aggiornamento firmware sia reintrodotta questa importante opzione per la fotografia notturna e per altro presente sulle altre Nikon Z. (Nello scatto Bardenas Reales scattato con Nikon Z9 e Nikkor Z 20mm 1.8 S - Dati di scatto: singola esposizione a 60"; ISO1000; f/1.8 )
en.giuliani
gli exif sono errati perché l'obiettivo è privo di CPU e quindi viene riportata, per il diaframma, l'apertura maggiore della lente, appunto f 4,5. Anche il tempo è diverso: l'esposizione e di 8 secondi. Ad ogni buon fine ecco i parametri corretti: Nikon Z6 II, Voigtlander Super-Wide Heliar 15mm f/4.5 Aspherical, iso 100, f 8, 8 sec., treppiede. Crop del 15% per eliminare il muso di una auto di rappresentanza che disturbava una cifra!!
en.giuliani
VERSIONE IN BIANCO E NERO gli exif sono errati perché l'obiettivo è privo di CPU e quindi viene riportata, per il diaframma, l'apertura maggiore della lente, appunto f 4,5. Anche il tempo è diverso: l'esposizione e di 8 secondi. Ad ogni buon fine ecco i parametri corretti: Nikon Z6 II, Voigtlander Super-Wide Heliar 15mm f/4.5 Aspherical, iso 100, f 8, 8 sec., treppiede. Crop del 15% per eliminare il muso di una auto di rappresentanza che disturbava una cifra!!
en.giuliani
... incredibili l'impalcatura da superbonus 110% che avvolge l'arco di Settimio Severo e la mancanza di illuminazione delle colonne superstiti del tempio di Saturno e di quello di Vespasiano! Un affronto a questo tesoro archeologico che rasenta l'oltraggio! Essendo scattata con obiettivo privo di CPU, ecco gli exif corretti: Nikon Z6 II, Voigtlander Super-Wide Heliar 15mm f/4.5 Aspherical, iso 100, f 8, 3 sec., treppiede.
AlbertoGhizziPanizza
Sovrapposizione di un centinaio di scatti da 30" Se siete interessati a come realizzare gli startrail sia con scatto singolo che con scatti multipli non mancate al prossimo webinar ufficiale Nikon School che partirà a breve; qui il link per info ed iscrizioni: https://www.nikonschool.it/corsi/come-realizzare-uno-startrail-perfetto Vedremo tecniche, difficoltà, consigli e post produzione
AlbertoGhizziPanizza
Focus stacking automatico e bracketing di scatti per l'infinito. A volte mi chiedono quanto tempo mi serva per realizzare gli scatti in una certa situazione. La risposta è dipende. Ma con l'esperienza e la conoscenza dell'attrezzatura si può essere anche molto rapidi. Sul mio profilo Facebook ho caricato un video di un esempio di come ho realizzato (con una mano sola perché con l'altra stavo filmando con l'iPhone) questa mattina una foto al mio amato Castello di Torrechiara composta da un focus stacking e bracketing di esposizioni. Il video è stato realizzato qualche secondo prima della foto qui sopra ma con la medesima tecnica. Quando è improvvisamente apparso il sole ho realizzato la foto. C'è da dire che anche la nuova Nikon Z9 dà un grande contributo grazie a velocità operativa, interfaccia touch, schermo orientabile, focus stacking automatico e migliaia di possibili personalizzazioni. In più il formidabile Nikkor 24-70 f/2.8 ha una resistenza al controluce e ai flare eccellente. Ho volutamente impostato la macchina da zero variando i parametri per fare in modo che si vedesse tutto quello che ho fatto in tempo reale senza per forza dover stabilire il mio record di velocità ? Ho successivamente montato gli scatti (ho utilizzato una sequenza fatta allo stesso modo ma alcuni istanti dopo, visto era spuntato il Sole) utilizzando Helicon Focus per il focus stacking, Camera RAW per l'unione del bracketing e due livelli in Photoshop per unire il tutto.
MAURY06
Modella: Paola Alpago
mapi2008
C'era una volta Spelacchio ....... Roma, l'albero di Natale di piazza Venezia; Punto di ripresa la terrazza Caffarelli nei pressi del Campidoglio.
MAURY06
Esibizione Aeroporto di Thiene (Vi) per il Centenario volo Roma-Tokyo di Arturo Ferrarin 1920
bubu54
Senza dimenticare niente regaliamoci una giornata di auguri
maxim55
Usato adattatore Nikon Ftz , mano libera Lago di Fogliano ( P.N. del Circeo 14/gennaio/2022
JonathanGiovannini
Una scena fantastica, resa incantevole dalla pioggia battente
RaffaeleFrancoPH
© raffaelefranco.com
biagio1982
La natura a volte ci regala cose indescrivibili,questa è una si queste,come primo dell'anno del 2022 non posso essere che contento aver goduto di un panorama così spettacolare
carmelo parisi
Fuori imperversa il maltempo e allora niente di meglio che fotografia in casa. Nikon Z6 con adattatore FTZ, Nikon Micro Nikkor 105mm f2.8 VR. Treppiede. Unione di 8 scatti con messa a fuoco manuale.
valentinimario
Bruco della farfalla Nymphalis polychloros. scattata il 2014 Nikon D 700.
MAURY06
Realizzato dall'artista veneto Marco Martalar, con legni di alberi schiantati dalla tempesta Vaia. Installato in una posizione panoramica a Magrè (fraz. del Comune di Lavarone -Tn) è diventato una attrazione turistica.