Risultato della ricerca: fiume
tumasin
Il fiume lentamente scompare e i fiori in poco tempo appaiono sulle rocce che emergono...
Aria.nuova
fotografia scattata nella riva di un fiume con ammassi di detriti
allo1953
COSI' E' DENOMINATA QUELLA DEL FIUME ENZA, CONFINE TRA LE PROVINCE DI PARMA E REGGIO EMILIA
jacopo.figini
Parco nazionale di Oulanka. Finlandia. Uno dei pochi pomeriggi con un po’ di sole a riscaldare dal freddo della taiga.
pablitox95
Una tranquilla veduta sul fiume, dietro la città.
WildAle
Un Martin Pescatore o King Fisher si riposa in attesa di nuove prede
allo1953
LA CAMPAGNA NEI PRESSI DEL FIUME TARO
MatteoBertetto
Bracketing e HDR di 5 scatti Sviluppo con MB Panel V5
WildAle
Il Martin Pescatore è un ottimo modello per colorare le nostre fotografie
Elisa_Pancaldi
Il tempo si dilata nel silenzio dei borghi, la bellezza specchiata nel fiume raddoppia.
MatteoBertetto
Filtro NiSi ND32.000 Sviluppo con MB Panel V5
tumasin
Vanum flumen, che tradotto segnica il fiume che svanisce. Sono cresciuto giocando nel fiume. Era la nostra piscina. Vederlo svanire è doloroso. Sembra come se si portasse con se i ricordi di un tempo ormai andato, di quando tutto era più rallentato e quando divertirsi era semplice come tuffarsi da quegli scogli...
allo1953
DEL FIUME ENZA, QUELLA REGGIANA. SI SCORGONO LA RUPE DI CANOSSA E IL CASTELLO DI ROSSENA
Alessandro750
La tranquillità autunnale lungo la "restera" del Fiume Sile (Treviso).
WildAle
Un esemplare di Garzetta si procura il cibo .
MARINOF55
Rocca maggiore di Assisi Le prime notizie storiche sulla struttura fortificata si hanno negli anni 1173-1174 quando vi soggiornò Cristiano, arcivescovo di Magonza, che occupò Assisi per conto di Federico Barbarossa. Nel 1198 fu distrutta da una sommossa popolare. Secondo la tradizione, in quella occasione la cittadinanza cacciò il duca di Spoleto Corrado di Ursilengen e il piccolo Federico II di soli 4 anni. La rocca rimase in uno stato di abbandono fino al 1362 quando il cardinale Egidio Albornoz decise di ricostruirla sulla base dell'antica fortificazione germanica. La Rocca Maggiore guarda imponente e austera il centro storico sottostante, la stretta gola attraversata dal fiume Tescio e gran parte della Valle Umbra, che si estende da Perugia a Spoleto: visitarne la struttura dà quindi l'opportunità di osservare un significativo esempio di architettura militare trecentesca ancora ben conservato, godendo di un panorama tra i più suggestivi dell'Umbria .Fonte Regione Umbria - Servizio Musei e soprintendenza ai beni librari