Risultato della ricerca: Animali
AntonioLimardi
Lungo la strada che da Castellazzo Novarese conduce a Casaleggio, in aperta campagna, si possono osservare i ruderi di un'antica chiesa dedicata a Sant'Antonio Abate(Santo protettore degli animali, tanto da essere solitamente raffigurato con accanto un maiale che reca al collo una campanella). Si tratta di una chiesa a tre navate ,isolata nella campagna, perciò non ubicata al diretto servizio di un centro abitato, dotata di torre campanaria, particolare non comune per gli oratori campestri. Forse in origine erano annessi ambienti per l’ospitalità di viandanti e pellegrini o come dice la leggenda era la chiesa parrocchiale di un paese che ormai non esiste più, abbandonato quando i feudatari del territorio decisero di spostare la loro Signoria a Castellazzo, dove eressero il Castello. Tutti dovettero abbandonare le loro case ed anche il parroco la sua chiesa. Quest'ultimo, persona avarissima, non riusci' piu' a trovare il gruzzolo di monete d'oro che aveva nascosto ed e' per questo che...in alcune notti, si odono pianti disperati tra i ruderi della chiesa: e' il fantasma del Prevosto alla frenetica ricerca del gruzzolo di monete!
bortu83
Direttamente dalle fiabe norvegesi, i Lupi intonano il loro canto
tumasin
Vanno Vengono Ogni tanto si fermano E quando si fermano Sono nere come il corvo Sembra che ti guardano con malocchio Certe volte sono bianche E corrono E prendono la forma dell'airone O della pecora O di qualche altra bestia Ma questo lo vedono meglio i bambini Che giocano a corrergli dietro per tanti metri Certe volte ti avvisano con un rumore Prima di arrivare E la terra si trema E gli animali si stanno zitti Certe volte ti avvisano con rumore Vengono Vanno Ritornano E magari si fermano tanti giorni Che non vedi più il sole e le stelle E ti sembra di non conoscere più Il posto dove stai Vanno Vengono Per una vera Mille sono finte e si mettono lì Tra noi e il cielo Per lasciarci soltanto una voglia di pioggia... FABRIZIO DE ANDRE'
apifferi
...si trova in una importante area naturale oggi tutelata dell'omonimo PLIS, Parco Locale di Interesse Sovracomunale, detta "Zoc del Peric" ( Fossa del Perego). La zona è un'area umida protetta tra Fabbrica Durini e Lurago d'Erba (Como) circondata da prati, coltivazioni e boschi abitata da una ricca fauna come uccelli sia stanziali che di passo, animali da palude e l’accertata sussistenza della rana di Lataste e del tritone crestato. Il Circolo Ambiente “Ilaria Alpi” nelle ultime sei estati ha organizzato il Campo di volontariato internazionale “Brianza hills”, in collaborazione coi comuni di Alzate brianza, Lurago, Inverigo e Brenna. Grazie al Campus, decine di giovani provenienti da tutto il Mondo sono intervenuti per la sistemazione ambientale delle zone naturali del parco, dove tra l’altro sono stati recentemente installati alcuni pannelli, che llustrano le caratteristiche ambientali (flora e fauna) dell’area umida.
marcone1960
Una delle mie modelle preferite
BIBI_87
Parco Naturale Regionale Gola della Rossa e di Frasassi (AN)
didorossi
Un incontro inaspettato con questi magnifici pony durante un'escursione dolomitica. Questo in particolare sembrava volesse proprio essere fotografato. Un vero simpaticone.
mauriziot
... di una gregge verso \"casa\", con i loro pastori a cavallo; occorre tenere presente che in Mongolia non esistono ricoveri, tipo stalla o simili, per gli animali; tornare, quindi, significa solo avvicinarsi alla gher (tenda)dove vive la famiglia proprietaria; Mongolia, giugno 2013