Stracqua63
Oasi di Alviano. Crop. _DIN4052_NoNoise_LR
Stracqua63
Oasi di Alviano. Crop. _DIN3512_NoNoise_LR-3
Stracqua63
Oasi di Alviano. Crop. _DIN3435_NoNoise_LR-2
Stracqua63
Oasi di Alviano. Crop. _DIN3538_NoNoise_LR_cr
Stracqua63
Garzetta in volo. Oasi di Alviano. Crop. _DIN2514_NoNoise_LR_cr
Stracqua63
Garzetta. Oasi di Alviano. Crop. _DIN3866_NoNoise_LR Dfine
Stracqua63
Oasi di Alviano. Crop. _DIN1864_NoNoise_LR-6
Stracqua63
Oasi di Alviano. Crop. _DIN3652_NoNoise_LR-2_cr
Stracqua63
Oasi di Alviano. Crop. _DIN4231_NoNoise23_LR_cr
Stracqua63
Cenerino in ammaraggio, al tramonto. Oasi di Alviano. Crop. _DIN4193_2 ON1 PHR2023
Stracqua63
Garzetta in primo piano al tramonto. Oasi di Alviano. Crop. _DIN2556 ON1 PHR2023 fs
sandro.allegretti
La gazza marina nidifica su scogliere, falesie e isolette rocciose lungo le coste dell’Europa nordoccidentale, della Groenlandia e dell’America Settentrionale; sverna in mare, a latitudini meno elevate ma non troppo lontano dalle aree riproduttive. Alcuni individui migrano d’inverno nel Mar Ligure e nell’alto Mar Tirreno. Di corporatura tozza, ha collo breve e testa voluminosa che culmina in un grande becco scuro. La livrea estiva è divisa tra il color bruno-nerastro delle parti superiori e il bianco di quelle inferiori. Bianche sono pure una stretta barra bianca sulle ali, una linea che congiunge gli occhi alla base del becco e una striscia verticale sulla punta del becco. Si ciba di pesci, molluschi e crostacei, che cattura in immersione. Vive in colonie, spesso associata alle urie comuni; è solita deporre l’unico uovo in una cavità della roccia, sotto un masso o nel nido abbandonato da un pulcinella di mare.