salvatoresisca
Uno scatto per niente male considerando l'obiettivo MC MTO- 11CA 100/10
AlbertoGhizziPanizza
(Nikon Z7II + 800mm + crop; foto del 15 febbraio 2021, ora blu, fusione di diverse esposizioni)
AlbertoGhizziPanizza
Tra le 22 e le 24 del 23-01-20201 dal balcone di casa ho scattato qualche centinaia di foto alla Luna che tra nuvole e velature ha creato aloni, iridescenze e corone. Questa è la fusione di una buona parte di questi scatti per enfatizzare i colori sia della corona che dei minerali lunari. (Immagine realizzata con Nikon Z7II + Nikkor 300mm f/2.8 GII VR + Inseguitore Star Adventurer)
massimoforti
È oggi: tutto l'ieri andò cadendo / entro dita di luce e occhi di sogno, / domani arriverà con passi verdi: / nessuno arresta il fiume dell'aurora. Pablo Neruda
en.giuliani
D850 al fuoco diretto del telescopio Sky Watcher 127/1500 mm, f/11.8
massimoforti
La Mineral Moon è una tecnica di fotografia che consiste nel catturare immagini a grande campo del nostro satellite con sensori a colori, e di applicare una semplice tecnica di elaborazione che permette di estrapolare una grande quantità di informazioni in esse contenuta. Proprio come sulla Terra, infatti, i materiali lunari hanno un modo univoco di emettere, riflettere o assorbire luce. Una vera e propria “firma spettrale” che li contraddistingue. Ecco allora che vengono svelati i colori dei giovani mari lunari costituiti maggiormente da basalti (bluastri) e le anortositi, le quali costituiscono gran parte delle cosiddette Highlands (rossastre).
en.giuliani
Il 21 dicembre scorso, giorno del solstizio d'inverno 2020, nel cielo è avvenuto un fenomeno abbastanza raro, grazie al quale i due pianeti più grandi del sistema solare, Giove e Saturno, sono sembrati vicinissimi tra loro: non accadeva dal 1623 e tale fenomeno non si ripeterà – con queste caratteristiche - fino al 2080. I due pianeti, visti dalla Terra, pur rimanendo distanti tra loro oltre 700 milioni di chilometri, hanno brillato separati soltanto di un decimo di grado, sembrando, ad occhio nudo, una sola luce. Io e il mio amico Paul Waddington abbiamo osservato l'evento e abbiamo ripreso la congiunzione planetaria, utilizzando un telescopio Sky Watcher 127 di focale 1500 mm., sia fotograficamente (io) che con un filmato elaborato successivamente (Paul Waddington). Ecco i risultati: come è evidente, l'utilizzo della telecamera e di circa 5000 frames del filmato, elaborati in post produzione, hanno ottenuto un risultato assai migliore di quello reso da un singolo scatto fotografico tradizionale. Questo genere fotografico è e sarà terreno quasi esclusivo delle riprese a mezzo telecamere dedicate ...
MatteoRovattiPhotography
Tre Cime di Lavaredo (Italy), August 2019 - Nikon D750 + Nikon 20mm f1.8 - www.matteorovattiphotography.com
massimoforti
Beato chi scava nel passato: è uno che conquista mille occhi per leggere il presente. (Maria Venturini)
fabriziomarcacci
anche io ho voluto postare la mia luna, ma attenzione che non ci siano Lupi Mannari nelle vicinanze, non si sa mai
by photo alessio bonorva
By Photo Alessio © info:347-7336485
brizio61
Segnali di luce San giovanni Posada (nu) Nikon D3100 F/4.5 8sec. iso 400 18mm.