FORUM NIKONCLUB

Condividi le tue conoscenze, aiuta gli altri e diventa un esperto.

Chiudi
TITOLO*
DOMANDA*
AREA TEMATICA INTERESSATA*
Il Festival Delle Aquile
Mongolia, 2017
Rispondi Nuova Discussione
mauriziot
Messaggio: #1
La Mongolia, grande quattro volte l’Italia, ha circa tre milioni di abitanti, la metà residenti nella capitale Ulanbaatar e l’altra metà, prevalentemente nomadi, sparsi per il resto del paese. Nella parte occidentale, sotto i Monti dell’Altaj, una catena montuosa che attraversa Cina, Russia, Kazakistan e Mongolia, in un altopiano a 2.000 metri, si trova il distretto di Bajan-Olgij, con capoluogo l’omonima cittadina, Qui vive l’etnia kazaca, l’unica di tutto lo stato di religione mussulmana, che sostanzialmente vive di pastorizia; accanto a questa attività, specie in inverno, è molto praticata la caccia con l’aquila: un’attività perseguita soprattutto per motivi tradizionali e culturali, profondamente radicata nella vita di questa comunità.

Sono circa 350 i pastori che vanno a caccia con i propri rapaci e ne sono molto orgogliosi. Alla fine di settembre, inizio ottobre, quando l’autunno è già inoltrato e l’inverno molto vicino, si radunano per sfidarsi in una serie di gare di abilità e destrezza in un evento per tutti noto con il Festival delle Aquile; il principale e il più affollato si svolge a Olgij ma anche a Sagsaj, la settimana precedente, vi è un festival di questo tipo; le successive foto sono state scattate proprio a quest’ultimo, meno affollato e più genuino.

Da Olgij, occorrono quasi due ore di fuoristrada per andare al campo di gare, mezz’ora da Sagsaj; questa è lo scenario, quasi lunare, che si percorre, privo di qualsivoglia abitazione

IPB Immagine



I partecipanti arrivano a cavallo anche da zone molto distanti. La maggior parte dei cacciatori sfoggia vestiario e accessori tradizionali. L’aquila, posata sul braccio protetto da un pesante guantone e sostenuto da un bastone di legno poggiato sulla sella del cavallo


IPB Immagine



Partecipano cacciatori molto anziani …

IPB Immagine




Nel pieno delle loro forze ...

IPB Immagine




Generazioni diverse della stessa famiglia ...

IPB Immagine




Ma anche giovanissimi, affiancati dai genitori, che trasmettono tutte le loro conoscenze e li spronano a perseguire quella che era l’attività principale dei loro avi, praticata da millenni ...

IPB Immagine



Anzi, quando possibile, vengono coinvolte anche le figlie femmine ...

IPB Immagine



La protagonista principale del Festival è ovviamente l’aquila reale, il cui peso è di circa 6/7 kg e ha un apertura alare che può superare i due metri e mezzo. Questi rapaci hanno una vista circa 8 volte migliore di quella dell’uomo e sono in grado di individuare la propria preda da molto lontano

IPB Immagine



Generalmente i cacciatori preferiscono esemplari femmine.

IPB Immagine




L'aquila ha la testa protetta da un cappuccio di cuoio, che le viene tolto poco prima di iniziare la caccia; la gara consiste proprio in una simulazione dell'azione di caccia

IPB Immagine



Il rapporto tra il cacciatore e il suo rapace è molto stretto e dura a lungo, fino a quando l’aquila non sarà liberata, in genere quando supererà i dieci anni di vita. Qui lo sguardo intenso e diretto tra il cacciatore e la sua aquila prima dell'inizio della gara

IPB Immagine




Una delle gare principali consiste nel cacciatore che lascia la sua aquila su una collina, le toglie il cappuccio e poi, raggiunto un punto distante un centinaio o più di metri, la richiama, la invita a raggiungerlo e a posarsi sul suo braccio. Qui un’aquila sta per raggiungere il suo cacciatore. Velocità, obbedienza e precisione sono gli elementi di giudizio per vincere la gara

IPB Immagine



Lo stesso vale per l’altra gara, in cui l’aquila questa volta deve posarsi e catturare una preda, generalmente un pellicciotto di volpe, trascinata dalla sella del cavallo del suo cacciatore. Il cacciatore richiama l'aquila lanciandole una preda e urlando l'ordine con suoni gutturali

IPB Immagine

I

La caccia è un’attività principalmente “ludica”; il cacciatore trattiene la pelle della preda (e la usa per il suo vestiario) e ne lascia la carne al rapace. Proprio la possibilità di avere la preda come cibo è lo strumento principale di addestramento dell' aquila, che incomincia giovanissima, appena catturata. Qui il rapace svolge diligentemente il suo compito e si posa sulla preda.

IPB Immagine




Qualche volta, per richiamare l’aquila durante la gara, viene usato un animale appena ucciso, come in questo caso, dove si vede il cacciatore che lancia la preda con la mano ancora sporca del suo sangue

IPB Immagine




Non tutte le aquile svolgono la gara in maniera impeccabile; qualcuna proprio non si alza in volo, altre, si dirigono in direzioni del tutto sbagliate. Nel caso di questa foto si vede il cacciatore che parte al galoppo proprio per inseguire l’aquila che non ha risposto al suo richiamo

IPB Immagine




In un’altra gara di abilità, tra le più spettacolari, il cavaliere si lancia al galoppo

IPB Immagine




e raccoglie da terra piccoli oggetti, nel caso specifico, fiori plastica, ma anche nastri e/o pietre

IPB Immagine




Bisogna ricordare che il pastore mongolo vive la maggior parte del tempo sul suo cavallo, più piccolo dei nostri, e sono tutti eccellenti cavallerizzi

IPB Immagine




Un’altra gara, più cruenta, è una specie di tiro alla fune. Ma si utilizza un montone; due cavalieri ne afferrano la gambe e se ne disputano il possesso. I contendenti possono tirare sia da fermo sia andando al galoppo; la gara può durare pochi secondi o anche diversi minuti; chi strappa il montone all’avversario vince e passa il turno, fino al duello finale

IPB Immagine




Partecipano i pastori più giovani, ma anche lottatori professionali (la lotta è lo sport nazionale, insieme al tiro con l’arco); frequenti le risse alla fine di ogni gara. Si tratta dell’unica manifestazione del Festival piuttosto violenta, sia per l’animosità nei singoli duelli, sia perché il montone viene ucciso e sgozzato appositamente per la gara

IPB Immagine




Vi è pure una gara di velocità tra cammelli; qui il vincitore si avvicina al traguardo

IPB Immagine




La caccia è fondamentalmente un’attività ludica; si svolge principalmente nel periodo più freddo, quando la terra è coperta di neve e le greggi richiedono meno attenzione; è anche il periodo in cui le volpi, principale preda dei rapaci, hanno la pelliccia più bella. Il Festival è anche un’importante occasione d’incontro, l’ultima prima dell’inverno; successivamente, infatti, la rigidità del clima impedisce la mobilità dei pastori e le occasioni di incontro con i vicini, che possono anche essere a ore di viaggio l’uno con l’altro. Durante il Festival, vicino al campo di gara, sorgono gher (le tende dove vivono i nomadi) pronte a fornire cibo a tutti i richiedenti e a facilitare la reciproca socializzazione

IPB Immagine




Complessivamente un grande, e genuinamente vero, spettacolo, che giustifica i disagi necessari per parteciparvi. Qui il campo gher, con autoritratto, che mi ha ospitato nel periodo del Festival, senza bagno e con temperature sotto lo zero di notte

IPB Immagine




Alla fine della seconda giornata, cacciatori, ma anche pubblico e turisti, tornano a casa; da notare il tradizionale cappello rosso del cacciatore, che lo rende visibile all'aquila anche a forti distanze

IPB Immagine




Il Festival è come immergersi quasi in un altro secolo; fotografare è entusiasmante, anche se complesso - per la polvere, per la luce molto forte e, soprattutto, per il pubblico, locale e turisti, che appare all'improvviso proprio dove si dirige l’obiettivo della macchina (molte le foto gettate per le impreviste apparizioni di bracci, teste, mani nell’immagine scattata).
Devo ringraziare Marco e Rossella che hanno organizzato il viaggio su misura per me e per i miei amici; probabilmente tornerò.
Sempre disponibile a chi vuole informazioni sull’argomento.
grazrol
Messaggio: #2
Un reportage davvero emozionante, sia per le immagini che per le parole che le accompagnano. Grazie
Graziella
Ricpic
Staff
Messaggio: #3
Che bello... un'esperienza fantastica!

Ciao
Ric
riccardoal
Messaggio: #4
bravo Maurizio gran manico
elly.80
Messaggio: #5
Che dire reportage magnifico, grazie ai tuoi scatti ho scoperto qualcosa che difficilmente avrei potuto vedere.
Immagino che tecnicamente realizzare scatti di questo tipo sia veramente complicato. A parte il tempismo eccezionale, ma penso che sia veramente difficile catturare l'espressività delle persone.Poi anche in condizioni sfavorevoli! Tanto di cappello. Ho visto un tuo scatto su national Geographic, complimenti.
Ps Per la polvere e luci come hai risolto? Un saluto Elisa
maxbunny
Messaggio: #6
Bellissima esperienza ben documentata. Bravo!
mauriziot
Messaggio: #7
QUOTE(elly.80 @ Oct 13 2017, 08:10 PM) *
Che dire reportage magnifico, grazie ai tuoi scatti ho scoperto qualcosa che difficilmente avrei potuto vedere.
Immagino che tecnicamente realizzare scatti di questo tipo sia veramente complicato. A parte il tempismo eccezionale, ma penso che sia veramente difficile catturare l'espressività delle persone.Poi anche in condizioni sfavorevoli! Tanto di cappello. Ho visto un tuo scatto su national Geographic, complimenti.
Ps Per la polvere e luci come hai risolto? Un saluto Elisa



Grazie della visita Elisa,
per la polvere pulivo continuamente gli obbiettivi con una polpetta (talvolta prestata anche a altri fotografi); quella che entrava nello scatto invece mi sembrava un arricchimento che dava il senso del dinamismo; la luce (maggior parte degli scatti dalle 11 alle 15) presentava più problemi, soprattutto per le ombre sui visi; l'uso del flash si è rilevato inutile, quindi molta pp e anche un discreto scarto. Il problema principale è il pubblico, appassionati locali o fotografi/turisti (qualcuno scattava con l'ipad) che ti si infilava nell'immagine all'improvviso e in molto imprevedibile e che trovavi dall'altro lato del soggetto fotografato; qui lo scarto delle foto, alcune interessanti, è stato maggiore.
grazie ancora e grazie a tutti delle visite e dei commenti.

mt
Maurizio Rossi
Staff
Messaggio: #8
Questo oltre ad uno splendido Life, ottime immagini riprese, tua post inconfondibile in mezzo a migliaia
è anche una ottima dimostrazione dell'uso di una reflex Nikon, come si possa spingersi e riuscire in una fotografia del genere,
complimenti Maurizio un gran bel racconto, bravo wink.gif Pollice.gif
mauriziot
Messaggio: #9
QUOTE(Maurizio Rossi @ Oct 15 2017, 09:40 AM) *
Questo oltre ad uno splendido Life, ottime immagini riprese, tua post inconfondibile in mezzo a migliaia
è anche una ottima dimostrazione dell'uso di una reflex Nikon, come si possa spingersi e riuscire in una fotografia del genere,
complimenti Maurizio un gran bel racconto, bravo wink.gif Pollice.gif



Caro Maurizio,
grazie della visita; le Nikon avrebbero potuto sicuramente fare meglio; è il manico del fotografo che deve ancora migliorare.
A presto.
mt
Lady O
Messaggio: #10
Un bel viaggio che ha testimoniato, con racconto e foto eccellenti, un evento tanto lontano come luogo e come contesto epocale.
Ottimo life Maurizio, è un piacere leggerlo.

Un saluto, Ornella
aldosartori
Messaggio: #11
Bellissima esperienza, alcuni scatti visti singolarmente ma nell'insieme creano un bellissimo racconto
 
Discussioni simili Iniziata da Forum Risposte Ultimo messaggio
Aquile....in Movimento mariosalo TECNICHE Fotografiche 23 27-03-2012 14:40
Dove Osano Le Aquile Gabriele.Carpinelli Paesaggio 18 10-03-2010 11:43
Aquile Di Francia mariosalo Naturalistica (e fauna selvatica) 9 02-07-2012 19:15
Aquile mochina63 Naturalistica (e fauna selvatica) 4 03-11-2010 22:06
Aquile Pontebba Vs Shc Fassa maurizio angelin Sport 2 18-01-2011 11:44