Nikon Monthly Podium, 1° posto

NOVEMBRE 2016


 

Ely

I AM | ALAN MONTESANTO



Certo, la modella (Ely Trilly). Certo, la luce supplementare (softbox+speedlight). Ma, a volte, per creare un’atmosfera, qualcosa che emerge, basta relativamente poco: una ragazza seduta su una panchina, una postura, delle linee. Alan Montesanto, supportato da Andrea Gianelli, ha realizzato con Ely uno scatto forte, equilibrato, a mano libera (Nikon D750, 50mm, f/2.5, 1/250, Iso 200). In una luce mista ambiente-flash, con uno sfondo semplice, quasi insignificante e invece pregnante, ha composto una figura centrale nitida in mezzo a cromatismi autunnali rossi-grigi-marrone, con le linee della panchina che incrociano quelle del vestito e lo sfocato in primo piano che dirige lo sguardo verso la posa raccolta.


Consiglio-domanda:
A chi è venuta l’idea di quella postura? Se alla modella, o fotografi invitate i vostri soggetti a trovare/provare le proprie pose, qualcosa - a volte - accadrà (come, felicemente, in questo caso).


Citazione:
«La panchina è un luogo di sosta, un’utopia realizzata. È vacanza a portata di mano. Sulle panchine si contempla lo spettacolo del mondo, si guarda senza essere visti e ci si dà il tempo di perdere il tempo, come leggere un romanzo» [Beppe Sebaste, “Panchine, come uscire dal mondo senza uscirne”]

Musica: Una canzone con al centro una ragazza - Girl You'll Be a Woman Soon - nella versione degli Urge Overkill, band alternative rock, parte della colonna sonora di Pulp Fiction, film culto di Quentin Tarantino.
 


QUESTA FOTO È STATA SCATTATA CON: