FORUM NIKONCLUB

Condividi le tue conoscenze, aiuta gli altri e diventa un esperto.

Chiudi
TITOLO*
DOMANDA*
AREA TEMATICA INTERESSATA*
Richiesta Info Su Foto Macro E Utilizzo Tubi Prolunga
Rispondi Nuova Discussione
ricca82it
Messaggio: #1
Salve ragazzi;

vorrei delle delucidazioni, essendo un fotografo novizio con tante cose da imparare e da capire.

MI piacerebbe avvicinarmi alla fotografia macro e leggendo in qua e la su internet mi sono imbattuto su dei tubi prolunga (3 di diverse profondità) che a detta di chi le vende dovrebbero consentire ad un obiettivo normale (anche il mio 18-105 vr) di diventare (ovviamente senza troppe pretese) un obiettivo macro.

E' una stupidata ? c'è qualcuno che può consigliarmi?

io vorrei fotografare sia insetti, animaletti e fiori


critiche e consigli sono accettatissime , sto brancolando nel buio...
giucci2005
Messaggio: #2
I tubi di prolunga consentono di distanziare l'obiettivo dal corpo macchina e, di conseguenza, mettere a fuoco avvicinandosi più di quanto consentito dall'obiettivo da solo: non aspettarti miracoli però, perché il rapporto di riproduzione che riesci ad ottenere dipende dalle caratteristiche dell'ottica usata.
Ad. esempio il Micro 105 raggiunge direttamente alla minima distanza il rapporto 1:1, cioè un oggetto di 1 cm viene riprodotto sul sensore con la dimensione di 1 cm: se interponi tubi di prolunga per 105mm il rapporto diventa 1:2 (1 cm reale => 2 cm sul sensore).
La regola è che alla minima distanza, interponendo tubi pari alla focale dell'obiettivo che stai usando raddoppi il rapporto di riproduzione (RR).

Attenzione però perché solo alcuni tubi mantengono gli automatismi della fotocamera (autofocus: poco utile; esposizione: utile).

Ti suggerisco di leggere gli articoli nella sezione Macrofotografia degli eXperience (Nikon School): troverai molte informazioni e risposte ai tuoi dubbi.

Ciao e ... attento alle zanzare!
Diego
Antonio Canetti
Messaggio: #3
i tubi di prolunga non sono una stupidata, anche se non sono più di moda ci sono anche i soffietti di prolunga, dove puoi allungare la distanza a piacere senza essere relegato alla distanza fissa dei tubi.

la Nikon non ha ancora aggiornato i tubi ai nuovi automatismi che sono venuti fuori nel tempo, probabilmente (e condivido) preferisce spingere l'acquisto delle ottiche Micro predisposte per tale uso.

di terze parti ci son i tubi KENKO DG mantengono tutti gli automatismi, diaframma, esposimetro e autofocus AF/AF-D/AF-S anche se quest'ultimo con l'aumetare della lunghezza dei tubi la luce decade e non è ingrado di funzionare.

i tubi Kenko li ho acquistati sui 200 euro.


Antonio
luke2375
Messaggio: #4
Se vuoi spendere di meno (giusto per iniziare a sperimentare) ci sono anche le lenti close up che partono da poco più di 20 €.
In proposito vedi questa discussione http://www.nikonclub.it/forum/index.php?sh...p;#entry2984340

Un paio di foto fatte con lenti close up
IPB Immagine Ingrandimento full detail : 148.5 KB
IPB Immagine Ingrandimento full detail : 108.9 KB
ricca82it
Messaggio: #5
grazie 1000 delle delucidazioni tempestive
giusto il tempo di un caffè
grazie.gif

stavo vedendo un po su ebay giusto per indicarmi verso un prodotto specifico...
tubi ce ne sono a di poco 70 miliardi di tipi
si parte da quelli in plastica senza contatti (che immagino servono per portare AF e quant'altro) a quelli della KENKO che costano diversi euri *100 rolleyes.gif


quindi in definitiva , per iniziare a fare qualche foto a bestie aggressive messicano.gif
per il mio 18-105 cosa mi consigliate (è un 67mm) ? tubi o lente ? qual'è il miglior rapporto qualità prezzo?

ricca82it
Messaggio: #6
trovato pure questa soluzione
ma mi pare la peggiore in assoluto , sicuramente la più rischiosa per rovinare l'obiettivo , almeno mi pare


http://www.ebay.it/itm/new-67mm-67-mm-Macr...#ht_2556wt_1270

Antonio Canetti
Messaggio: #7
quello che illustri è un anello d'inversione, praticamente monti l'ottica al contrario, essendo molto vicino al soggetto l'immagine risulta migliore, ma questo trucco è poco adatto alle ottiche moderne che non hanno la ghiera dei diaframmi e non puoi aprilo a diaframmi intermedi o tutto chiuso o tutt aperto con qualche artificio, inoltre automatismi zero

la soluzione più economica forse è proprio quello delle lenti addizionali, se ti piace poi... penserei all'acquisto di un ottica per macro come i Micro della Nikon, purtroppo siamo davanti ad hobby costoso.

Antonio
ricca82it
Messaggio: #8
si si ovvio
sul "poi" tanto si casca li (su ottica micro) e conosco i prezzi
la richiesta era solo per vedere le la passione aumenta con le macro o se prediligo altri tipi di foto .

texano.gif
megthebest
Messaggio: #9
QUOTE(ricca82it @ May 16 2012, 12:38 PM) *
si si ovvio
sul "poi" tanto si casca li (su ottica micro) e conosco i prezzi
la richiesta era solo per vedere le la passione aumenta con le macro o se prediligo altri tipi di foto .

texano.gif

cerca gli Econo AF Extension Tubes sulla baia (sito polacco).

con 47€ spediti hai degli ottimi tubi Af che ti permettono di sperimentare close-up anche sul tuo (putroppo non eccelso) 18-105.
Io ce l'ho da 1 mese e mi ci trovo molto bene con il fisso 35mm e il 70-300Vr anche in autofocus.
Max
monteoro
Messaggio: #10
QUOTE(ricca82it @ May 16 2012, 11:51 AM) *
trovato pure questa soluzione
ma mi pare la peggiore in assoluto , sicuramente la più rischiosa per rovinare l'obiettivo , almeno mi pare
http://www.ebay.it/itm/new-67mm-67-mm-Macr...#ht_2556wt_1270


Con l'anello di inversione non rovini l'obiettivo, devi solo curare la pulizia della lente posteriore che potrebbe sporcarsi al pari della lente anteriore durante l'utilizzo normale.

Per ottenere delle buone macro, qualsiasi sia il metodo usato, ci vogliono anche un buon treppiedi, una slitta micrometrica ed un comando remoto; per fotografare con anelli di inversione occorre anche che l'obiettivo sia dotato di ghiera dei diaframmi (i modelli G che ne sono sprovvisti richiedono attenzioni particolari e "trucchetti" per chiudere il diaframma all'apertura voluta)

Franco
Hammerheart
Messaggio: #11
QUOTE(monteoro @ May 17 2012, 03:43 PM) *
Con l'anello di inversione non rovini l'obiettivo, devi solo curare la pulizia della lente posteriore che potrebbe sporcarsi al pari della lente anteriore durante l'utilizzo normale.

Per ottenere delle buone macro, qualsiasi sia il metodo usato, ci vogliono anche un buon treppiedi, una slitta micrometrica ed un comando remoto; per fotografare con anelli di inversione occorre anche che l'obiettivo sia dotato di ghiera dei diaframmi (i modelli G che ne sono sprovvisti richiedono attenzioni particolari e "trucchetti" per chiudere il diaframma all'apertura voluta)

Franco


la slitta micrometrica immagino vada applicata alla testa del treppiedi oppure è una particolare tipo di testa da sostituire a quella classica?

Quali sono i sistemi per chiudere a mano il diaframma negli obiettivi senza ghiera?
pocico
Messaggio: #12
QUOTE(Hammerheart @ May 20 2012, 07:03 PM) *
la slitta micrometrica immagino vada applicata alla testa del treppiedi oppure è una particolare tipo di testa da sostituire a quella classica?

Quali sono i sistemi per chiudere a mano il diaframma negli obiettivi senza ghiera?


la slitta micrometrica si applica da un lato alla testa del treppiede e dall'altro alla fotocamera e permette appunto spostamenti della setessa millimetrici onde regolare correttamente la messa a fuoco.
Per chiudere il diaframma negli obiettivi G devi agire sulla levetta che li regola, che sporge di qualche millimetro accanto alla lente posteriore dell'obiettivo.
monteoro
Messaggio: #13
Premesso che adopero un 28 mm dotato di ghiera per i diaframmi e quindi il problema non si pone, un amico che voleva provare con un obiettivo di tipo G utilizzava un pezzettino di nastro adesivo per chiudere il diaframma, ma lo sconsigliai a causa dei residui di colla che lasciava sulla baionetta.
il metodo più semplice secondo me è il trucchetto di utilizzare un pezzo di filo da pesca con un piccolo cappio per "ancorare" la levetta del diaframma, tirando l'altra estremità si chiude il diaframma e la si fissa con del nastro adesivo ad una parte della testa o del treppiedi.
Ovviamente il tutto una volta effettuata la messa a fuoco a tutta apertura.
ciao
Franco
giucci2005
Messaggio: #14
A proposito degli obiettivi di tipo G, c'è anche la soluzione per "ricchi" decisamente più tecnologica!
Un invito a leggere l'articolo allegato.
Ciao a tutti
Diego

File Allegato  accessori_macro.pdf ( 4.24mb ) Numero di download: 750
maurodilecce
Messaggio: #15
QUOTE(megthebest @ May 16 2012, 10:24 PM) *
cerca gli Econo AF Extension Tubes sulla baia (sito polacco).

con 47€ spediti hai degli ottimi tubi Af che ti permettono di sperimentare close-up anche sul tuo (putroppo non eccelso) 18-105.
Io ce l'ho da 1 mese e mi ci trovo molto bene con il fisso 35mm e il 70-300Vr anche in autofocus.
Max



ciao meg, che focale massima utilizzi con il 70-300 per avere il massimo di qualità?
Hammerheart
Messaggio: #16
QUOTE(pocico @ May 21 2012, 12:52 PM) *
Per chiudere il diaframma negli obiettivi G devi agire sulla levetta che li regola, che sporge di qualche millimetro accanto alla lente posteriore dell'obiettivo.


Il problema è come determino il diaframma se non c'è la ghiera...
megthebest
Messaggio: #17
QUOTE(temistocle12 @ May 25 2012, 12:30 AM) *
ciao meg, che focale massima utilizzi con il 70-300 per avere il massimo di qualità?

max fino a 200..
da 200 a 300 so perde molto sul 70-300
eutelsat
Messaggio: #18
Il 18-105 si presta molto bene all'uso dei tubi prolunga, lo usavo con soddisfazione, se non erro con tubi variabili da 20 a 35mm max smile.gif
Prendi quelli con i contatti per automatismi, non per il fuoco che va eseguito manualmente ma per l'esosimetro e controllo diaframma


Gianni
 
Discussioni simili Iniziata da Forum Risposte Ultimo messaggio