Risultato della ricerca: nero
Maxim_Nital
Ascoli in una giornata di pioggia...
vito.s
Pontenove a Bedizzole
leonardo_lb
Piazza Duomo con il suo brulichio di gente,mi ha ispirato questo ...bianco e nero.
Franco_Mazza
La riserva Naturale Landmannalugar include 47 mila ettari di monti, vulcani, laghi, fiumi e zone con forti attività geotermiche. Ma, quello che più colpisce sono i colori, rosa, marrone, verde, giallo, blu, viola, nero e bianco che fanno sembrare l'immagine come fosse fortemente post-prodotta. Uno spettacolo della natura che nessuna immagine può veramente rappresentare quello che si può vedere ad occhio.
Maxim_Nital
Affaccio sulla piazza del vecchio paese (Raiano)
Paolo Tomberli
Un bianco e nero luminoso, deciso, spezza lo sguardo, questa sensazione è accentuata dalle verticali salienti degli alberi che scandiscono la composizione.
marco moggio
IN LUCE, nasce dal desiderio di ricerca e ritorno alle immagini amate all'inizio del mio percorso di fotografo. Dopo i primi scatti, si consolida la possibilità di poterne realizzare una serie. Condividere le stesse regole per poter rispettare un metodo e dover progettare ogni foto: solo due luci, una per il fondo ed una per il soggetto e pose sempre alla stessa distanza dalla fotocamera. Il legame è la costante nera presenza del monolite, oscuro sostegno di interpreti isolati in un luogo senza confini, immobilizzati nel tempo dallo scatto fotografico.
Aria.nuova
l''ombreggiature sono dovute al passare di nubi , creando questo effetto sul terreno . crete senesi (siena )
manofsteel
“Nelle fotografie a colori c’è già tutto. Una foto in bianco e nero invece è come un’illustrazione parziale della realtà. Chi la guarda, deve ricostruirla attraverso la propria memoria che è sempre a colori, assimilandola a poco a poco. C’è quindi un’interazione molto forte tra l’immagine e chi la guarda. La foto in bianco e nero può essere interiorizzata molto di più di una foto a colori, che è un prodotto praticamente finito.” Sebastiao Salgado
marco moggio
IN LUCE, nasce dal desiderio di ricerca e ritorno alle immagini amate all'inizio del mio percorso di fotografo. Dopo i primi scatti, si consolida la possibilità di poterne realizzare una serie. Condividere le stesse regole per poter rispettare un metodo e dover progettare ogni foto: solo due luci, una per il fondo ed una per il soggetto e pose sempre alla stessa distanza dalla fotocamera. Il legame è la costante nera presenza del monolite, oscuro sostegno di interpreti isolati in un luogo senza confini, immobilizzati nel tempo dallo scatto fotografico.