Risultato della ricerca: cavallo
simone.porrelli
La scala è a forma elicoidale / ellittica ed è composta da trenta colonne doriche di peperino affiancata tra loro a due a due. I gradini hanno una larga pedata ed una alzata limitata precisa per salire direttamente a cavallo, come sembra che facesse il Cardinale Alessandro Farnese, o trasportato sopra una portantina. Di certo si sa che i paesaggi rappresentati negli affreschi sono attribuiti ad Antonio Tempesta, mentre è sconosciuto l'autore dell'allegoria della cupola. (fonte: www.bomarzo.net)
Joseff
Un grande nemico di allora,, Il filo di ferro spinato nella Prima Guerra è stato molto usato.. Qui una foto della Selletta Carteri tra i due Cauriol nei Lagorai, Trentino, Emblematica per quel periodo
MatteoBertetto
Sviluppo con MB Panel V5
Fanfulla2010
© All rights reserved. Use without permission is illegal http://500px.com/photo/32118557
mauriziot
..., quella dei cubani che vivono in parte di sussidi governativi in parte dell\'arrangiarsi, si spostano con il cavallo, lavano ancora a mano e le galline e il maiale fanno parte della famiglia (ovviamente fino a quando non li mangiano). Qui una casa tipica di campagna, fuori cioè dall\'aree cittadine, dove le case sono molto più ammassate e fatte per lo più in mattoni. Notare la presenza del dondolo, che non manca quasi mai. Cuba, gennaio 2015
fernandospirito55
nel centro storico di Presicce (Lecce)un antico frantoio ipogeo scavato nella roccia tufacea in questa immagine una . vasca dove venivano messe le olive . e una . pesante macina di dura pietra che veniva fatta girare da un cavallo o da un mulo per la .molitura di questo prodotto ......
mauriziot
Un pastore che segue la sua mandria a cavallo, nella steppa della Mongolia. Giugno, 2013
mauriziot
... di una gregge verso \"casa\", con i loro pastori a cavallo; occorre tenere presente che in Mongolia non esistono ricoveri, tipo stalla o simili, per gli animali; tornare, quindi, significa solo avvicinarsi alla gher (tenda)dove vive la famiglia proprietaria; Mongolia, giugno 2013
FaustoMeini
Una delle tante cose belle della fotografia è immergersi negli scenari in cui ci troviamo,in questo caso, percorrendo l'unica strada del Pian Grande alla ricerca di qualche spunto, dalla nebbia è apparso questo cavallo bianco, alle 6.00 del mattino eravamo soli..., lui a pascolare ed ogni tanto mi rivolgeva uno sguardo, ed io, a cercare di scattare qualche foto, passando insieme, pochi ma lunghissimi minuti nel silenzio della nebbia.
CaterinaFarina
passerei ore ad osservare le nuvole.... cambiano, si trasformano, in un attimo un \"topolino\" diventa un Destriero bianco pronto a saltare ogni ostacolo.... un minuto dopo arriva un cavaliere al posto di quel cavallo e ti porta con se nella sua favola.....non serve molto x sognare....basta lasciarsi andare e farsi trasportare dalla fantasia..... un pò come tornare bambini e sorridere spontaneamente senza pretendere troppo....
giancarlo valentini
\'Eremo Francescano delle Celle è un edificio sacro che si trova in località Le Celle, nel comune di Cortona, in provincia di Arezzo. L\'insediamento francescano fu fondato nel 1211 dal santo stesso, che vi ritornò nel 1226 prima di morire, ed è stato profondamente restaurato nel 1969. Il complesso, costruito a cavallo di una stretta valle, è molto suggestivo per l\'amenità e la spiritualità del luogo. Le abitazioni dei frati e i locali conventuali sono disposti \"a gradoni\" su entrambi i versanti della valle.
alessago2
Il primo calcio fu fragoroso, il secondo non meno assordante! Avrebbe potuto essere un clic di un vetro in frantume... Masaï aveva capito che dentro c'eravamo noi e lì voleva essere anche lui! Niente può fermare il cavallo risoluto...
mauriziot
... e anche il suo cavallo. Si sta preparando per partecipare al Festival delle Aquile, ma in gara al suo richiamo l'aquila non risponderà con la precisione e prontezza di quelle di altri cacciatori; ma su bellezza e disponibilità per il fotografo, grandi apprezzamenti. Olgij, settembre 2017
Stefano Baglioni
Foto eseguita all\'interno di una grotta
masigild
Qualcosa sono riuscito a recuperare ...
mauriziot
Shinbyu, … cerimonia dei Novizi, una millenaria tradizione della cultura birmana: la cerimonia d’ingresso al noviziato dei bambini maschi tra gli 8 e i 12 anni che vengono accolti presso un monastero buddista per un periodo di studio e applicazione sulle regole religiose. La cerimonia consiste in un corteo che conduce alla pagoda seguendo un ordine ben preciso: i futuri novizi, vestiti in modo farzoso, procedono a cavallo o su carri addobbati; seguono i padri e poi le madri con le ceste delle offerte e i cofanetti contenenti le tonache gialle che i bambini saranno chiamati a indossare; chiudono le fila gruppi di ragazze con decorazioni varie. La permanenza in monastero, da una a due settimane, rappresenta un passaggio imprescindibile della vita di ogni birmano. I membri più facoltosi della comunità sostengono le spese per I bambini orfani o quelli più poveri.