Risultato della ricerca: campanile
AntonioLimardi
La Badia(o Abbazia) di Dulzago, situata nel Comune di Bellinzago Novarese, fu fondata all'inizio del XII secolo da alcuni canonici come luogo di culto religioso. Verso la seconda metà del Quattrocento divenne Abate commendatario Leonardo Sforza che trasformò la comunità in un importante centro agricolo. Con il passare degli anni furono bonificati i terreni circostanti rendendoli produttivi. Verso il Settecento venne introdotto l'allevamento del bestiame ed in seguito costruiti nuovi edifici per accogliere i nuovi lavoratori. La comunità divenne autosufficiente disponendo di scuola, forno per cuocere il pane, ghiacciaia interrata, lattaio e mulino. Durante il periodo napoleonico il complesso divenne proprietà della famiglia Reyner. Nel 1845 fu ceduta ai Borromeo che dal 1879 cominciarono a rivendere la struttura in vari lotti. In seguito la proprietà venne ulteriormente suddivisa dalla Società Agricola Conturbia. Interessante il campanile e la Chiesa dedicata a San Giulio con i suoi ricchi affreschi. Il 31 gennaio,(solennizzata, ormai da molti anni, l'ultima domenica di gennaio)festa patronale, si celebra la tradizionale Fagiolata di San Giulio. Notizie della fagiolata si hanno sin dal 1628, quando l'allora Vescovo Volpi, la citò in una sua lettera. La ricetta precisa è segreta, ma per prepararla si usano fagioli, lardo, cotiche, patate, carote, verze e cipolle, messe a cuocere nei calderoni di rame. Nel corso degli anni il numero dei calderoni è aumentato, per far fronte alla sempre maggiore richiesta da parte dei partecipanti alla festa. Leggende raccontano che l'anno in cui non si svolse la fagiolata, nelle campagne attorno alla Badia comparvero i serpenti.
Mirko.men83
La meravigliosa vista su Todi e le sue vallate dal campanile della Chiesa di San Fortunato
MatteoBertetto
Multi esp manuale (metodo Bertetto) Sviluppo con MB Panel V5
tatarc
La pieve romanica di Calci (PI) (fine secolo XI) fu costruita per volontà dell’arcivescovo Daiberto e portata a termine dalla contessa Matilde di Toscana. La pieve è dedicata a Ermolao, martire cristiano e patrono del paese nonché degli oliveti. La facciata ha le forme tipiche dello stile romanico pisano: lesene, archetti ciechi, rombi, bifore, policromia bianca e grigia nella parte alta. Alle spalle spicca il possente ma incompiuto campanile a torre. La base quadrangolare del campanile  – larga ben 9 metri – e la presenza di due finestre alte e strette, tipiche delle feritoie per arcieri, fanno pensare ai resti di un’antica torre difensiva.
en.giuliani
Corona è una frazione del comune di Massa d'Albe, alle pendici del monte Velino, in provincia dell'Aquila. L'8 giugno 1795, mentre non si prevedeva pioggia, improvvisamente apparve sull'orizzonte una nuvoletta che subito s'ingrandì e si sciolse in calma pioggerellina cui, senza essere preceduto da altri, inaspettatamente si udì un forte tuono e l'immediata caduta di un fulmine sulla chiesa parrocchiale. Tal fatto avvenne in circostanze veramente prodigiose. Infatti, come si legge nella relazione rimessa dal parroco al Vescovo diocesano, la folgore, alla quale seguì repentino ritorno al sereno, senza toccare il campanile verso cui doveva essere attratta dal metallo delle campane e attraversandolo, non vi arrecò danni e non colpì il parroco e il sagrestano intenti alle relative mansioni. Fece soltanto cadere da una parete una tela raffigurante, pressa il battistero, S. Giovanni Battista, sgretolò l'intonaco che stava dietro e scoprì affrescata un'immagine della Madonna che regge col braccio sinistro il divin Figlio benedicente. Fonti: https://it.wikipedia.org/wiki/Massa_d%27Albe https://biscobreak.altervista.org/2016/06/madonna-del-fulmine/. http://www.terremarsicane.it/madonna-del-fulmine/; http://www.youcango.it/index.jsp?id=555&dettaglio=422;
mauriziot
... la Basilica di San Giorgio, nell'omonima isola della laguna di Venezia, proprio sul Bacino di San Marco, dove nella notte cielo e laguna si confondono; le prime costruzioni della chiesa risalgono al IX secolo. La struttura attuale è quella progettata da Andrea Palladio che realizzò anche il refettorio; fu completata nel periodo compreso tra il 1566 e il 1591, quando fu ultimato il coro. La facciata venne realizzata tra il 1597 e il 1610 da Vincenzo Scamozzi, 30 anni dopo la morte del maestro. L'attuale campanile (alto 75 m) fu progettato dall'architetto somasco Benedetto Buratti e risale al 1791. Venezia, dicembre 2015
IvoMarkes
Campanile della chiesa di Santa Barbara________ Riflessi dopo la pioggia in Piazza Santa Barbara a Mantova.
Menszeta
Tramonto con campanile Veneziano sullo sfondo
TaCe
Mi permetto di ri postare questa Foto con grande Dolore per ciò che sta accadendo alla Mia Terra_ "Il 30 ottobre 2016 il paese di Castelluccio è stato quasi completamente distrutto a seguito del Terremoto del Centro Italia del 2016: il Campanile e la Chiesa di Santa Maria Assunta sono andati completamente perduti. Alcune opere di notevole pregio artistico e storico custodite nella chiesa sono state messe in sicurezza prima dei crolli." fonte Wikipedia.
sassopiatto
Il Torrazzo di Cremona, situato accanto al duomo di Cremona, è il simbolo della città lombarda. Si tratta del campanile storico più alto d\'Italia. Da una lapide murata alla base del Torrazzo di Cremona si legge quella che per molto tempo è stata ritenuta l\'altezza del medesimo (250 braccia e due once cremonesi, che corrispondono a circa 110 metri). Secondo misurazioni successive l\'altezza è risultata pari a 112 m[1][2][3][4]. I gradini del Torrazzo sono 502.
rcaturelli@gmail.com
IL CAMPANILE DELLA CATTEDRALE DI NOSTRA SIGNORA DI SMOLENSK DEL MONASTERO DELLE NOVIZIE PATRIMONIO DELL'UNESCO ANDATO A FUOCO ALCUNI GIORNI FA'.
Claudio_Moretti
Questa è la prima foto di una serie dedicata alla Val d\'Aosta, luogo dove ho soggiornato per riposarmi da una vita da stress. Ho messo questa dove le fronde degli alberi, fanno come da tende, che si aprono facendo intravedere lo scenario che poi andrò ad arricchire, con altre immagini.