Risultato della ricerca: Luna
en.giuliani
Doppio scatto con fusione in pp. Fori a 24 mm e Luna a 300 mm sovradimensionata
BMauroS
Isola di Ponza (LT) . . . La curvatura a mezzaluna richiama alla mente proprio la luna. Era frequentata già al tempo dei Romani (e dei Greci prima di loro). Era utilizzata come approdo a mo’ di porto naturale, sulla sommità della scogliera sono ancora visibili i resti di una necropoli romana. La parete di tufo bianco a picco sulla spiaggia è alta più di 100 metri. Nell’antichità la spiaggia era raggiungibile attraverso un tunnel scavato nella roccia dai romani, costruito con una lieve pendenza in opus reticolatum. Il passaggio è lungo quasi 200 metri ed è provvisto di lucernari che servivano ad illuminare la cavità scura. Attualmente è chiusa per pericolo caduta massi . . . E' raggiungibile solo via mare. Forse anche questo contribuisce a renderti ancor più affascinante, meravigliosa Chiaia di Luna . . .
salvatoresisca
Un evento scenario di incantevole bellezza, atteso da qualche tempo e forse non più verificabile. La Via Lattea con Giove e Saturno che spiccano a sinistra, la Luna che sorge dal Mare Ionio, né illuminano il cielo della Piana di Sibari, il Canyon del Raganello e il troneggiante Monte Sellaro che ne fa da contorno. Peccato per la foschia e il mio scarso post produzione che né limitano la qualità della foto.
salvatoresisca
Dopo un'accurata ricerca della misteriosa Neowise non avvistata ho scaricato la tensione sulla mezza luna qui presente. (14/07/20- 4,30)
Menszeta
mare al faro di Punta Sabbioni
pinei
Per ritrarre nel modo migiliore il fascino di una sera di luna piena sulla spiaggia sono ricorso ad una esposizione manuale limitando al massimo gli ISO in un compromesso tra tempi di esposizione e "rumore" dell'immagine
Dani.it
I fiori delle cactacee hanno vita molto breve e spesso durano solo un giorno come il fiore dell’Echinopsis eryesii o comunemente chiamata Luna di Miele. Il fiore di questa specie cactacea cresce per tutta l’estate nella parte alta del fusto della pianta producendo, dapprima, un bocciolo marrone allungato e ricoperto da spine molto sottili che sboccia, succeccivamente, in un magnifico fiore rosa-bianco dal profumo intenso. Questi grandi fiori si aprono di mattina e si chiudono di sera (durano 2 giorni circa) e possiedono petali sottili e delicati, quasi come carta velina;
CODEL
Neowise ..ed è il meglio che sono riuscito a fare, la luna emanava troppa luce.. (l'ora indicata non è corretta, erano le 4:12)
pinei
La luna piena si affaccia sul cielo di un rosso tramonto
AlbertoGhizziPanizza
...continuano le prove con la Nikon D6... La ISS passa davanti al Sole in provincia di Parma. Ecco a cosa può servire una raffica da 14 fotogrammi al secondo e con un buffer quasi illimitato per raffiche "infinite". Dopo una pianificazione dello scatto tramite le tante app con l'amico Lorenzo Cattani? ci siamo posizionati in un campo in zona Noceto (Parma). Qui alle 13:15 e 20 secondi è sfrecciata la ISS, la stazione spaziale, davanti al Sole ad una distanza dalla Terra di 465.69 km. Per fortuna il cielo era completamente sereno. Fare questo tipo di immagini con la Luna è abbastanza facile, ma con il sole quasi allo zenit è piuttosto complicato. Servono infatti impostazioni accurate e precisione nel cogliere il secondo giusto. La ISS infatti impiega meno di un secondo a sfrecciare davanti al Sole. Se si fa un video, è sufficiente allineare bene la fotocamera e cominciare a riprendere qualche secondo prima e qualche secondo dopo il passaggio; fare foto invece è più complesso. Data la fortissima luminosità del Sole serve un filtro apposito per non bruciare i sensori delle fotocamere e questo vale anche nel caso di un video. Quando è notte possiamo vedere arrivare la ISS come un puntino luminoso e velocissimo che si sposta nella volta celeste, ma di giorno data la forte luce risulta invisibile ai nostri occhi. In questo modo per catture l'istante in cui passa davanti al sole è più difficile. Per questo possiamo usare le app, ma in più di un'occasione mi è capitato che il secondo in cui questa diceva che la stazione spaziale sarebbe passata non era quello corretto. Questo mi ha fatto perdere più volte il passaggio della Stazione. Anche oggi l'app mi aveva indicato che nella posizione in cui eravamo la ISS sarebbe passata alle 13:15 e 23 secondi. In realtà e passata alle 13:15:20. Utilissimo in questo caso anche il GPS integrato della D6 che riporta tutti i dati di posizione e altitudine anche nei file RAW sincronizzando perfettamente l'orologio interno della reflex. Avere avuto in prova la Nikon D6 con la sua interminabile e velocissima raffica è stato di grande aiuto. Ho infatti iniziato a scattare qualche secondo prima ed ho terminato un attimo dopo il passaggio. Per fortuna la ISS ha anticipato il passaggio e mi ha concesso di catturare la sequenza. E' incredibile notare che nonostante la raffica da 14 fotogrammi al secondo le foto catturate della ISS precisa davanti al sole sono solo 8. Per avere più fotogrammi è meglio fare dei video e poi estrapolare i fotogrammi. Con le foto in RAW però la qualità del file è molto maggiore e quella che vedete qui sotto è il risultato della sovrapposizione e lavorazione in post produzione di circa 300 immagini scattare prima, dopo e durante il passaggio della ISS. Per tutte le immagini ho utilizzato la D6 con il Nikkor 500mm PF e duplicatore di focale TC-20EIII per raggiungere i 1000mm di focale effettiva. Nonostane i 1000mm ho ritagliato l'immagine in post produzione per rimpire meglio l'inquadratura. Tutte queste foto a varie esposizioni hanno consentito di ottenere un'immagine finale per me ricca di fascino e dettagli. Si può infatti notare anche una macchia solare giusto davanti ad un fotogramma della ISS ed in alto a destra delle eruzioni superficiali. Fino a qualche anno fa per vedere immagini del genere mi basavo sui siti della NASA e questo penso la dica tutta sulle capacità delle attrezzature fotografiche che si sono raggiunte in questi anni. Ho deciso anche di aggiungere 6 fotogrammi della ISS esterni al Sole che nessuna fotocamera, che io sappia, è in grado di catturare per l'elevatissima differenza di luminosità. Per questo le ho aggiunte in Photoshop per rendere la sequenza più completa. NB: per chi volesse fotografare il Sole state molto attenti ai rischi che si incorrono. Si può bruciare il sensore e rovinare l'attrezzatura, ma suprattutto anche i vostri occhi se lo guardate tramite il mirino della reflex. Nel caso va utilizzato il liveview per non accecarsi! Al prossimo passaggio della ISS!
attilio001
Al sorgere della luna, quando il sole accarezza le ultime cime montagnose, restio ad abbandonare il palcoscenico di Cofete ,una luce irreale si diffonde dando a tutto il paesaggio un'atmosfera magica.
massimoforti
L'attesa che arrivi l'aurora non stanca mai di fronte alla calma che trasmette un fiordo in una notte di Luna piena.
manlio.bottegoni
Foto scattata questa sera con la luna piena che è sorta sulla cima del monte Vettore e con la presenza di una grossa slavina scesa dalla sommità dello stesso fino a valle. Il tempo di tornare a casa e scaricarla. La dedico a tutti gli amici del club e in particolare agli amanti del \"piccolo Tibet italiano\".