FORUM NIKONCLUB

Condividi le tue conoscenze, aiuta gli altri e diventa un esperto.

Chiudi
TITOLO*
DOMANDA*
AREA TEMATICA INTERESSATA*
5 Pagine: V  « < 3 4 5  
Z6 Con Obiettivi Dx
possibile ignorare l'elettronica e gestire la lente come un "A
Rispondi Nuova Discussione
fullerenium2
Messaggio: #101
QUOTE(Freeway @ Mar 28 2019, 09:10 PM) *
qua ci vuole la sfera di cristallo biggrin.gif , se non ricordo male tra un mese/due uscira' un nuovo firmware con l'aggiormamento per "l'eye focus" e spero
che introducano anche questa possibilita' insieme ad altre fix meno note.
grazie. il secondo punto effettivamente e' un po' fastidioso. cmq amen magari aggiorneranno anche quello ( sulle reflex funziona )

ciao smile.gif

Vedrai la scritta dei diaframmi solo quando rifaranno l’FTZ perché sull’attuale non vi è l’accoppiamento con la ghiera del diaframma meccanico.
Freeway
Messaggio: #102
Vedrai la scritta dei diaframmi solo quando rifaranno l’FTZ perché sull’attuale non vi è l’accoppiamento con la ghiera del diaframma meccanico.
Freeway
Messaggio: #103
QUOTE("fullerenium2")
Vedrai la scritta dei diaframmi solo quando rifaranno l’FTZ perché sull’attuale non vi è l’accoppiamento con la ghiera del diaframma meccanico.


non so quale sia il problema tecnico, ma sull'FTZ la leva per l'accoppiamento con i diaframmi ce' . ad es ho provato il 35 AFD F2 che ha la ghiera dei diaframmi.
bloccato il diaframma a F22 con la levetta riesco a cambiare i diaframmi con la rotella frontale come sulla reflex.perdo solo l'autofocus ma a questo ci siamo gia' rassegnati.
(qui devono effettivamente riprogettare l'FTZ inserendo il motorino o qualcosa di analogo)

nel caso degli AIS vero che devo muovere manualmente la ghiera dei diaframmi sull'obiettivo, ma non so perche' la leva dei diaframmi dell'obiettivo non comunica la posizione
alla levetta dei diaframmi dell'FTZ come nelle Reflex.

ciao smile.gif


rolubich
Messaggio: #104
QUOTE(Freeway @ Mar 29 2019, 06:46 AM) *
non so quale sia il problema tecnico, ma sull'FTZ la leva per l'accoppiamento con i diaframmi ce' . ad es ho provato il 35 AFD F2 che ha la ghiera dei diaframmi.
bloccato il diaframma a F22 con la levetta riesco a cambiare i diaframmi con la rotella frontale come sulla reflex.perdo solo l'autofocus ma a questo ci siamo gia' rassegnati.
(qui devono effettivamente riprogettare l'FTZ inserendo il motorino o qualcosa di analogo)

nel caso degli AIS vero che devo muovere manualmente la ghiera dei diaframmi sull'obiettivo, ma non so perche' la leva dei diaframmi dell'obiettivo non comunica la posizione
alla levetta dei diaframmi dell'FTZ come nelle Reflex.

ciao smile.gif


Nelle reflex non è la leva interna che comunica l'apertura alla fotocamera, quella leva serve per chiudere il diaframma dalla posizione di TA a quella impostata durante la sequenza di scatto. Quello che permette all'obiettivo di comunicare l'apertura impostata alla fotocamera è l'accoppiamento del dente della ghiera dei diaframmi dell'obiettivo con il dente posto ad ore 1 nella reflex che fa ruotare un anello esterno al bocchettone, la rotazione di questo anello, che non c'è nell'adattatore, fornisce l'informazione del diaframma impostato.

robermaga
Messaggio: #105
QUOTE(rolubich @ Mar 29 2019, 08:55 AM) *
Nelle reflex non è la leva interna che comunica l'apertura alla fotocamera, quella leva serve per chiudere il diaframma dalla posizione di TA a quella impostata durante la sequenza di scatto. Quello che permette all'obiettivo di comunicare l'apertura impostata alla fotocamera è l'accoppiamento del dente della ghiera dei diaframmi dell'obiettivo con il dente posto ad ore 1 nella reflex che fa ruotare un anello esterno al bocchettone, la rotazione di questo anello, che non c'è nell'adattatore, fornisce l'informazione del diaframma impostato.

Pollice.gif aggiungo: e questo anello è collegato al simulatore di diaframma che determina l'esposizione, come avviene in vari modi (anello o altro)
in tutte le reflex Nikon dalla F Photomic in poi.
Per questo la vedo un filino dura e macchinosa inserire questo nelle ML anche tramite l'anello. Forse uscirà qualche cineseria ...
Freeway
Messaggio: #106
QUOTE("rolubich")
Nelle reflex non è la leva interna che comunica l'apertura alla fotocamera, quella leva serve per chiudere il diaframma dalla posizione di TA a quella impostata durante la sequenza di scatto. Quello che permette all'obiettivo di comunicare l'apertura impostata alla fotocamera è l'accoppiamento del dente della ghiera dei diaframmi dell'obiettivo con il dente posto ad ore 1 nella reflex che fa ruotare un anello esterno al bocchettone, la rotazione di questo anello, che non c'è nell'adattatore, fornisce l'informazione del diaframma impostato.


QUOTE("robermaga")
aggiungo: e questo anello è collegato al simulatore di diaframma che determina l'esposizione, come avviene in vari modi (anello o altro)
in tutte le reflex Nikon dalla F Photomic in poi.
Per questo la vedo un filino dura e macchinosa inserire questo nelle ML anche tramite l'anello. Forse uscirà qualche cineseria ...


blink.gif

acc.. allora la cosa si fa complicata. vabe' non credo che implementeranno a breve questo "adattamento" per le ottiche AIS
non avere la possibilita' di visualizzare a mirino il diaframma impostato e nemmeno averlo negli exif (a parte il valore preimpostato nel menu CPU)
oltre ad avere un mirino che sovarespone a TA per qualche secondo prima di trovare la quadra con lo "step down" fanno del sistema Z attuale
poco adatto per le ottiche vintage. peccato significa che continuero' ad usarle sulla reflex .

grazie per le risposte smile.gif
fullerenium2
Messaggio: #107
QUOTE(Freeway @ Mar 29 2019, 06:10 PM) *
blink.gif

acc.. allora la cosa si fa complicata. vabe' non credo che implementeranno a breve questo "adattamento" per le ottiche AIS
non avere la possibilita' di visualizzare a mirino il diaframma impostato e nemmeno averlo negli exif (a parte il valore preimpostato nel menu CPU)
oltre ad avere un mirino che sovarespone a TA per qualche secondo prima di trovare la quadra con lo "step down" fanno del sistema Z attuale
poco adatto per le ottiche vintage. peccato significa che continuero' ad usarle sulla reflex .

grazie per le risposte smile.gif

Insomma quindi tanto di focus peaking che agevolerebbe la messa a fuoco manuale e non usi o sono poco usabili le ottiche Ais o qualsiasi altro vetro davanti la Z?
C’è gente che compra la mirrorless proprio per infilarci di tutto in quel bocchettone. Non ci credo che il mirino e le altre cose funzionano male.
Si, il fatto di non avere gli F visualizzati secondo me è una grande mancanza progettuale. Tutto si fa e tutto è semplice, basta pensarci alle cose e dire che hanno lungamente atteso prima di farle uscire queste Z.
Anche sul discorso AFD potevano pensarci, perché di soluzioni ne potevano trovare!!
Per me è sempre stato evidente che all’improvviso hanno deciso di lanciare sul mercato le Z non avendo ultimato il progetto (vedi anche l’assenza di un BG e dei contatti sotto il corpo macchina).
Freeway
Messaggio: #108
QUOTE("fullerenium2")
Insomma quindi tanto di focus peaking che agevolerebbe la messa a fuoco manuale e non usi o sono poco usabili le ottiche Ais o qualsiasi altro vetro davanti la Z?


il focus peaking funziona ma e' il complesso che all'atto pratico e' poco funzionale, soprattutto mirino che sovraespone in modo imbarazzante TA per qualche secondo
quando porto a TA il diaframma prima di assestarsi . il mirino che quando e' attivo l'ibis e' uno " slow motion " continuo . il "F--" proprio non si puo' vedere in una macchina
di questa categoria, soprattutto pe quanto costa uno sforzo per inserire la compatibilita' potevano farlo, come il discorso sul DX .
personalmente i vintage li uso sulla Df da qualche anno e li' vi assicuro che e' tutta un'altra cosa, la messa a fuoco e' piu' veloce e intuitiva e naturale (questione di gusti )
anche se e' vero che e' stata ottimizzata soprattutto per ottiche vintage.

ciao smile.gif
fullerenium2
Messaggio: #109
QUOTE(Freeway @ Mar 29 2019, 07:13 PM) *
il focus peaking funziona ma e' il complesso che all'atto pratico e' poco funzionale, soprattutto mirino che sovraespone in modo imbarazzante TA per qualche secondo
quando porto a TA il diaframma prima di assestarsi . il mirino che quando e' attivo l'ibis e' uno " slow motion " continuo . il "F--" proprio non si puo' vedere in una macchina
di questa categoria, soprattutto pe quanto costa uno sforzo per inserire la compatibilita' potevano farlo, come il discorso sul DX .
personalmente i vintage li uso sulla Df da qualche anno e li' vi assicuro che e' tutta un'altra cosa, la messa a fuoco e' piu' veloce e intuitiva e naturale (questione di gusti )
anche se e' vero che e' stata ottimizzata soprattutto per ottiche vintage.

ciao smile.gif

Mi stupisce quanto dici. In una mia ML vecchia di 6 anni dal costo di 300 euro a suo tempo, non mi da problemi di esposizione se apro e chiudo il diaframma ne vedo rallentamenti nell’esporre corretramente a display ne effetto slow motion.
Non è che qui è come la storia del VR con ottiche Ai?
derma
Messaggio: #110
QUOTE(fullerenium2 @ Mar 29 2019, 08:46 PM) *
Mi stupisce quanto dici. In una mia ML vecchia di 6 anni dal costo di 300 euro a suo tempo, non mi da problemi di esposizione se apro e chiudo il diaframma ne vedo rallentamenti nell’esporre corretramente a display ne effetto slow motion.
Non è che qui è come la storia del VR con ottiche Ai?



(Oh, no !)
marmo
Messaggio: #111
QUOTE(fullerenium2 @ Mar 29 2019, 08:46 PM) *
Mi stupisce quanto dici. In una mia ML vecchia di 6 anni dal costo di 300 euro a suo tempo, non mi da problemi di esposizione se apro e chiudo il diaframma ne vedo rallentamenti nell’esporre corretramente a display ne effetto slow motion.
Non è che qui è come la storia del VR con ottiche Ai?

Marco visita.....ho un mucchio di Raw da sviluppare.....😎
robermaga
Messaggio: #112
QUOTE(fullerenium2 @ Mar 29 2019, 06:55 PM) *
Insomma quindi tanto di focus peaking che agevolerebbe la messa a fuoco manuale e non usi o sono poco usabili le ottiche Ais o qualsiasi altro vetro davanti la Z?
C’è gente che compra la mirrorless proprio per infilarci di tutto in quel bocchettone. Non ci credo che il mirino e le altre cose funzionano male.
Si, il fatto di non avere gli F visualizzati secondo me è una grande mancanza progettuale. Tutto si fa e tutto è semplice, basta pensarci alle cose e dire che hanno lungamente atteso prima di farle uscire queste Z.
Anche sul discorso AFD potevano pensarci, perché di soluzioni ne potevano trovare!!
Per me è sempre stato evidente che all’improvviso hanno deciso di lanciare sul mercato le Z non avendo ultimato il progetto (vedi anche l’assenza di un BG e dei contatti sotto il corpo macchina).

Allora questa "mancanza progettuale" riguarda tutte le ML o no? E una domanda che pongo, ma sono quasi sicuro che tutte le ML funzionano così ... la tua Fuji riconosce la focale e il diaframma quando monti un Nikkor AIS? Non credo.
Per me non è una mancanza progettuale, ma una difficoltà oggettiva. La Reflex dialoga con gli AIS semplicemente perché sono accoppiati meccanicamente. Ma se tu ti dimentiche di inserire i dati tutte le volte che metti un nuovo AIS, ti darà sempre e comunque quello dell'ultimo inserito e in altra sede abbiamo dimostrato che pure sbagliando l'apertura relativa viene fuori un leggero errore di esposizione. Per questa ragione per il momento non vedo semplice la soluzione di questo che, diciamolo... non lo trovo un problema da strapparsi le vesti.
Invece è verissimo che esiste tutta una serie di fotoamatori che passa alla ML (e spessissimo a Sony, non a Fuji per questa funzione) proprio per infilarci su di tutto. Seguo a debita distanza dei gruppi su FB del vintage su ML e c'è quello dei Nikkor, numerosissimo quello delle ottiche russe (mah?) e i patiti del solo Leica (o Zeiss) e infine i fissati del Gorlitz Trioplan ... il mondo non finisce alla prima curva ed è bello perché è vario.

Messaggio modificato da robermaga il Mar 30 2019, 12:05 AM
fullerenium2
Messaggio: #113
QUOTE(robermaga @ Mar 30 2019, 12:04 AM) *
Allora questa "mancanza progettuale" riguarda tutte le ML o no? E una domanda che pongo, ma sono quasi sicuro che tutte le ML funzionano così ... la tua Fuji riconosce la focale e il diaframma quando monti un Nikkor AIS? Non credo.
Per me non è una mancanza progettuale, ma una difficoltà oggettiva. La Reflex dialoga con gli AIS semplicemente perché sono accoppiati meccanicamente. Ma se tu ti dimentiche di inserire i dati tutte le volte che metti un nuovo AIS, ti darà sempre e comunque quello dell'ultimo inserito e in altra sede abbiamo dimostrato che pure sbagliando l'apertura relativa viene fuori un leggero errore di esposizione. Per questa ragione per il momento non vedo semplice la soluzione di questo che, diciamolo... non lo trovo un problema da strapparsi le vesti.
Invece è verissimo che esiste tutta una serie di fotoamatori che passa alla ML (e spessissimo a Sony, non a Fuji per questa funzione) proprio per infilarci su di tutto. Seguo a debita distanza dei gruppi su FB del vintage su ML e c'è quello dei Nikkor, numerosissimo quello delle ottiche russe (mah?) e i patiti del solo Leica (o Zeiss) e infine i fissati del Gorlitz Trioplan ... il mondo non finisce alla prima curva ed è bello perché è vario.

Roberto, ovvio che la Fuji non riconosce il diaframma che uso con gli Ais o con i russi, semplicemente perché stiamo parlando di adattatori da 20 euro generico su un corpo generico.
Qui invece abbiamo di fronte un obiettivo Nikkor con adattatore Nikon su corpo Nikon, e nikon dal 1940 sa come trasmettere tramite una levetta l’informazione del diaframma.
Ma quale complicanza suvvia, è solo una dimenticanza e semplificazione del progetto. Bastava mettere la levetta sull’adattatore che descriveva l’altro Roberto, e poi sarebbe stato l’adattatore tramite i contatti elettrici a trasmettere le info, non serve che l’accoppiamento meccanico sia sul corpo.
Idem per gli AFD, dove un cavolo di misero motorino con un cardine potevano metterlo o nell’adattatore o sul corpo e non vedo nessun problema di trasferimento del movimento cardanico. È stata roba fatta senza pensare un briciolo alla retrocompatibilità. Punto.
Potrebbero realizzare un altro adattatore e mettere una pezza a quel pezzo di plastica che hanno fatto.
E pensa che questo è uno dei motivi per cui non sto guardando a sostituire la D700. C’è un adattatore Commlite che permette l’uso degli AFS su Sony, un adattatore Techart Pro che rende AF gli AIS (e tutti i manuali in generale) e quindi anche gli AFD.
E sai quanto costa una A7ii usata? 4 spiccioli....
scusate l’acidità di prima mattina.
Maurizio Rossi
VICE ADMIN
Messaggio: #114
QUOTE(marmo @ Mar 29 2019, 09:22 PM) *
Marco visita.....ho un mucchio di Raw da sviluppare.....😎

tongue.gif
fullerenium2
Messaggio: #115
Entro il 12 aprile il governo britannico dovrà comunicare all'Ue se intende procedere ad un traumatico no deal o chiedere una proroga lunga
rolubich
Messaggio: #116
QUOTE(fullerenium2 @ Mar 30 2019, 08:45 AM) *
Roberto, ovvio che la Fuji non riconosce il diaframma che uso con gli Ais o con i russi, semplicemente perché stiamo parlando di adattatori da 20 euro generico su un corpo generico.
Qui invece abbiamo di fronte un obiettivo Nikkor con adattatore Nikon su corpo Nikon, e nikon dal 1940 sa come trasmettere tramite una levetta l’informazione del diaframma.
Ma quale complicanza suvvia, è solo una dimenticanza e semplificazione del progetto. Bastava mettere la levetta sull’adattatore che descriveva l’altro Roberto, e poi sarebbe stato l’adattatore tramite i contatti elettrici a trasmettere le info, non serve che l’accoppiamento meccanico sia sul corpo.
Idem per gli AFD, dove un cavolo di misero motorino con un cardine potevano metterlo o nell’adattatore o sul corpo e non vedo nessun problema di trasferimento del movimento cardanico. È stata roba fatta senza pensare un briciolo alla retrocompatibilità. Punto.
Potrebbero realizzare un altro adattatore e mettere una pezza a quel pezzo di plastica che hanno fatto.
E pensa che questo è uno dei motivi per cui non sto guardando a sostituire la D700. C’è un adattatore Commlite che permette l’uso degli AFS su Sony, un adattatore Techart Pro che rende AF gli AIS (e tutti i manuali in generale) e quindi anche gli AFD.
E sai quanto costa una A7ii usata? 4 spiccioli....
scusate l’acidità di prima mattina.


Sono sempre stato attratto da questa possibilità ma mi ha frenato il fatto di dover montare un ulteriore adattatore (Leica-Nikon) ed il piccolo spessore dell'adattatore che secondo me lo rende meno stabile, soprattutto nel tempo. Ma se Nikon facesse un adattatore del genere passerei alla Z7 di sicuro.
fullerenium2
Messaggio: #117
QUOTE(rolubich @ Mar 30 2019, 10:01 AM) *
Sono sempre stato attratto da questa possibilità ma mi ha frenato il fatto di dover montare un ulteriore adattatore (Leica-Nikon) ed il piccolo spessore dell'adattatore che secondo me lo rende meno stabile, soprattutto nel tempo. Ma se Nikon facesse un adattatore del genere passerei alla Z7 di sicuro.

Secondo me montare un 135mm Ais diventa ancora fattibile perché non è grosso o pesante e non grava sui vari raccordi (se parli del Techart pro). In tanti dicono che funziona bene ed è pure veloce. Immagina un 105 Ais f/1.4 e mettere a fuoco come un’ottica moderna... facile facile.
Ma lo faranno mai per Nikon? Con il protocollo AF dei Nikon complicato e blindato, tutti i produttori di terze parti fanno adattatori per Canon e Sony. Addirittura ci sono adattatori AF per corpi Fuji per montarci i Canon.

Messaggio modificato da fullerenium2 il Mar 30 2019, 10:16 AM
robermaga
Messaggio: #118
QUOTE(fullerenium2 @ Mar 30 2019, 08:45 AM) *
Roberto, ovvio che la Fuji non riconosce il diaframma che uso con gli Ais o con i russi, semplicemente perché stiamo parlando di adattatori da 20 euro generico su un corpo generico.
Qui invece abbiamo di fronte un obiettivo Nikkor con adattatore Nikon su corpo Nikon, e nikon dal 1940 sa come trasmettere tramite una levetta l’informazione del diaframma.
Ma quale complicanza suvvia, è solo una dimenticanza e semplificazione del progetto. Bastava mettere la levetta sull’adattatore che descriveva l’altro Roberto, e poi sarebbe stato l’adattatore tramite i contatti elettrici a trasmettere le info, non serve che l’accoppiamento meccanico sia sul corpo.
Idem per gli AFD, dove un cavolo di misero motorino con un cardine potevano metterlo o nell’adattatore o sul corpo e non vedo nessun problema di trasferimento del movimento cardanico. È stata roba fatta senza pensare un briciolo alla retrocompatibilità. Punto.
Potrebbero realizzare un altro adattatore e mettere una pezza a quel pezzo di plastica che hanno fatto.
E pensa che questo è uno dei motivi per cui non sto guardando a sostituire la D700. C’è un adattatore Commlite che permette l’uso degli AFS su Sony, un adattatore Techart Pro che rende AF gli AIS (e tutti i manuali in generale) e quindi anche gli AFD.
E sai quanto costa una A7ii usata? 4 spiccioli....
scusate l’acidità di prima mattina.

Figurati Carlo, non vedo nessuna acidità, ma solo delle opinioni che non collimano completamente con le mie e da persona aperta quale mi ritengo, non escludo che tu abbia pure ragione.
Quello che mi vien da dire è che Nikon con queste fotocamere era difficile potesse fare di meglio essendo la prima esperienza. E tuttavia non bisogna dimenticare che nessun Brand ti potrà consegnare l'oggetto definitivo: una implementazione via via nel tempo è d'obbligo, pena la cannibalizzazione interna e il fallimento certo. Vedremo ...
derma
Messaggio: #119
QUOTE(robermaga @ Mar 30 2019, 03:09 PM) *
Figurati Carlo, non vedo nessuna acidità, ma solo delle opinioni che non collimano completamente con le mie e da persona aperta quale mi ritengo, non escludo che tu abbia pure ragione.
Quello che mi vien da dire è che Nikon con queste fotocamere era difficile potesse fare di meglio essendo la prima esperienza. E tuttavia non bisogna dimenticare che nessun Brand ti potrà consegnare l'oggetto definitivo: una implementazione via via nel tempo è d'obbligo, pena la cannibalizzazione interna e il fallimento certo. Vedremo ...




Questo è l'unico motivo/giustificazione... di certo, non il fatto che fosse la prima esperienza per Nikon... sul consegnare/costruire il dispositivo/mezzo definitivo, quello sì... nessuno lo costruirà/realizzerà mai, per ovvii motivi... però, magari, tendere verso il "definitivo", anche alla prima "uscita", quello si può fare... e Nikon questo, palesemente, non lo fece.
_Lucky_
Messaggio: #120
QUOTE(fullerenium2 @ Mar 30 2019, 08:45 AM) *
Bastava mettere la levetta sull’adattatore che descriveva l’altro Roberto, e poi sarebbe stato l’adattatore tramite i contatti elettrici a trasmettere le info, non serve che l’accoppiamento meccanico sia sul corpo.
Idem per gli AFD, dove un cavolo di misero motorino potevano metterlo nell’adattatore e non vedo nessun problema di trasferimento del movimento. È stata roba fatta senza pensare un briciolo alla retrocompatibilità.

Allora, cominciando dalla fine, per il secondo punto sono d'accordo: lasciando da parte il Techart pro che e' un'altra cosa, credo sia tecnicamente possibile inserire un motorino nell'adattatore, per motorizzare gli obbiettivi dotati della presa di forza meccanica, e non e' detto che qualche rampante produttore cinese non lo faccia. Non so che grado di precisione dell'AF ne possa venir fuori, probabilmente non sufficiente a pilotare adeguatamente un 135mm ad F1,4 secondo gli standard attuali, ma credo abbastanza almeno per gli F2.8
Per il secondo punto, purtroppo non e' cosi' semplice: la levetta posta esternamente alla baionetta F fa a muovere un cursore che striscia su una pista potenziometrica (il simulatore di diaframma, appunto), ed il valore resistivo che ne deriva dice alla macchina qual'e' l'apertura del diaframma impostata sulla lente. Teoricamente puoi sempre inserire un simulatore di diaframma nell'adattatore, anche se non e' proprio minuscolo, ma poi ci vogliono dei contatti elettrici supplementari sull'adattatore e sulla baionetta Z dedicati solo a trasferire alla macchina il valore resistivo del simulatore, e questi contatti in piu' non ci sono...... quindi la cosa non e' fattibile a questo punto.
Sicuramente si sarebbe potuto pensare la cosa in modo diverso fin dall'origine, ma oramai e' chiaro che Nikon punta moltissimo sulla baionetta Z e sulle nuove ottiche, che dovranno essere destinate a sostituire il parco ottiche esistente, quindi nell'ottica di Nikon non avrebbe senso complicare le nuove macchine, aumentandone le dimensioni, rendendone piu' complicato l'assemblaggio ed innalzandone il costo di produzione, per mantenere una retrocompatibilita' totale con tutte le lenti. Gia' e' tanto che con l'adattatore funzionino completamente gli AF-S e funzionino, sia pure con qualche limitazione (come il poter visualizzare l'apertura F nel mirino), gli obbiettivi manuali senza CPU.
Ribadisco una cosa che ho gia' detto: sarebbe molto piu' utile, e completamente indolore, (bastano due righe di software inserite nel firmware) avere un telemetro ad immagine spezzata per poter mettere a fuoco velocemente dove vuoi, senza dover spostare aree di messa a fuoco, o premere pulsanti per ingrandire l'immagine,o affidarsi al Focus Peaking, esattamente come si e' fatto per tanti anni sulle reflex manuali..... e come e' gia' possibile fare (se non sbaglio) su alcune ML di concorrenza.

Messaggio modificato da _Lucky_ il Mar 30 2019, 03:51 PM
fullerenium2
Messaggio: #121
QUOTE(_Lucky_ @ Mar 30 2019, 03:46 PM) *
Allora, cominciando dalla fine, per il secondo punto sono d'accordo: lasciando da parte il Techart pro che e' un'altra cosa, credo sia tecnicamente possibile inserire un motorino nell'adattatore, per motorizzare gli obbiettivi dotati della presa di forza meccanica, e non e' detto che qualche rampante produttore cinese non lo faccia. Non so che grado di precisione dell'AF ne possa venir fuori, probabilmente non sufficiente a pilotare adeguatamente un 135mm ad F1,4 secondo gli standard attuali, ma credo abbastanza almeno per gli F2.8
Per il secondo punto, purtroppo non e' cosi' semplice: la levetta posta esternamente alla baionetta F fa a muovere un cursore che striscia su una pista potenziometrica (il simulatore di diaframma, appunto), ed il valore resistivo che ne deriva dice alla macchina qual'e' l'apertura del diaframma impostata sulla lente. Teoricamente puoi sempre inserire un simulatore di diaframma nell'adattatore, anche se non e' proprio minuscolo, ma poi ci vogliono dei contatti elettrici supplementari sull'adattatore e sulla baionetta Z dedicati solo a trasferire alla macchina il valore resistivo del simulatore, e questi contatti in piu' non ci sono...... quindi la cosa non e' fattibile a questo punto.
Sicuramente si sarebbe potuto pensare la cosa in modo diverso fin dall'origine, ma oramai e' chiaro che Nikon punta moltissimo sulla baionetta Z e sulle nuove ottiche, che dovranno essere destinate a sostituire il parco ottiche esistente, quindi nell'ottica di Nikon non avrebbe senso complicare le nuove macchine, aumentandone le dimensioni, rendendone piu' complicato l'assemblaggio ed innalzandone il costo di produzione, per mantenere una retrocompatibilita' totale con tutte le lenti. Gia' e' tanto che con l'adattatore funzionino completamente gli AF-S e funzionino, sia pure con qualche limitazione (come il poter visualizzare l'apertura F nel mirino), gli obbiettivi manuali senza CPU.
Ribadisco una cosa che ho gia' detto: sarebbe molto piu' utile, e completamente indolore, (bastano due righe di software inserite nel firmware) avere un telemetro ad immagine spezzata per poter mettere a fuoco velocemente dove vuoi, senza dover spostare aree di messa a fuoco, o premere pulsanti per ingrandire l'immagine,o affidarsi al Focus Peaking, esattamente come si e' fatto per tanti anni sulle reflex manuali..... e come e' gia' possibile fare (se non sbaglio) su alcune ML di concorrenza.


Io per ora non rottamo nulla perché le attuali Z offrono gli stessi deficit di altri brand ed è questo che mi lascia sconcertato. Quindi passare ad altre sponde comporta lo stesso identico sforzo.
Si, sulla mia ML ho l’immagine spezzata.
robermaga
Messaggio: #122
QUOTE(_Lucky_ @ Mar 30 2019, 03:46 PM) *
....
Per il secondo punto, purtroppo non e' cosi' semplice: la levetta posta esternamente alla baionetta F fa a muovere un cursore che striscia su una pista potenziometrica (il simulatore di diaframma, appunto), ed il valore resistivo che ne deriva dice alla macchina qual'e' l'apertura del diaframma impostata sulla lente. Teoricamente puoi sempre inserire un simulatore di diaframma nell'adattatore, anche se non e' proprio minuscolo, ma poi ci vogliono dei contatti elettrici supplementari sull'adattatore e sulla baionetta Z dedicati solo a trasferire alla macchina il valore resistivo del simulatore, e questi contatti in piu' non ci sono...... quindi la cosa non e' fattibile a questo punto.
Sicuramente si sarebbe potuto pensare la cosa in modo diverso fin dall'origine, ma oramai e' chiaro che Nikon punta moltissimo sulla baionetta Z e sulle nuove ottiche, che dovranno essere destinate a sostituire il parco ottiche esistente, quindi nell'ottica di Nikon non avrebbe senso complicare le nuove macchine, aumentandone le dimensioni, rendendone piu' complicato l'assemblaggio ed innalzandone il costo di produzione, per mantenere una retrocompatibilita' totale con tutte le lenti. Gia' e' tanto che con l'adattatore funzionino completamente gli AF-S e funzionino, sia pure con qualche limitazione (come il poter visualizzare l'apertura F nel mirino), gli obbiettivi manuali senza CPU. ....

Mi pare che il discorso non faccia una piega e l'hai espresso molto meglio di me Pollice.gif , ma è quello che principalmente intendevo.

Naturalmente concordo in pieno pure con l'implementazione della immagine spezzata ... non costerebbe niente.
gtd
Messaggio: #123
Ecco un articolo che espone vantaggi e limiti degli obiettivi Dx nel formato Fx usando una reflex D600.
https://photographylife.com/using-nikon-dx-...s-on-fx-cameras
Consci dei limiti vedo solo vantaggi... (al momento, spero) negati sulla Z6
fullerenium2
Messaggio: #124
QUOTE(gtd @ May 9 2019, 12:18 AM) *
Ecco un articolo che espone vantaggi e limiti degli obiettivi Dx nel formato Fx usando una reflex D600.
https://photographylife.com/using-nikon-dx-...s-on-fx-cameras
Consci dei limiti vedo solo vantaggi... (al momento, spero) negati sulla Z6

Conosco quella pagina e per questo citai il tokina 11-16. Feci pure un commento in quel blog molti anni fa.
 
Discussioni simili Iniziata da Forum Risposte Ultimo messaggio
5 Pagine: V  « < 3 4 5