FORUM NIKONCLUB

Condividi le tue conoscenze, aiuta gli altri e diventa un esperto.

Chiudi
TITOLO*
DOMANDA*
AREA TEMATICA INTERESSATA*
...
Rispondi Nuova Discussione
masma
Messaggio: #1
IPB Immagine

Antonio Canetti
Messaggio: #2
scusa, ma sono scettico su questa composizione soprattutto sulla struttura sulla destra, se ci fosse stato, spiaggia e mare a destra non sarebbe stata male! a meno che ci fosse una motivazione.

Antonio
masma
Messaggio: #3
QUOTE(Antonio Canetti @ Mar 3 2020, 03:33 PM) *
scusa, ma sono scettico su questa composizione soprattutto sulla struttura sulla destra, se ci fosse stato, spiaggia e mare a destra non sarebbe stata male! a meno che ci fosse una motivazione.

Antonio

nessuna motivazione se non quella che la foto, per me, la fanno i due sposini
grazie per il passaggio Antonio

Mas
DAP
Messaggio: #4
......penso che se la scena fosse stata presentata senza "ostacolo" ad una più ampia visione di spiaggia/mare, si avrebbe quasi certamente comunque avuto una "bella fotografia" ....credo oltremodo che l'autore non abbia contemplato come prioritaria la rappresentazione contestuale e relativa maniera di proporla al meglio dell'immaginaria aspettativa, ma abbia dato modo di veicolare e focalizzare l'attenzione( qui è stata la priorità) su una certa condizione "ironica/statico/dinamica" incentrata e venutasi a creare "con/ nella/sulla coppia" ...il manufatto ha quindi avuto il compito di "sponda" , per non "allontanarsi" troppo da ciò che all'autore ha suscitato motivo di interesse per lo scatto e di scelta nel proporre tale immagine.........mi fermo qui !! tongue.gif tongue.gif tongue.gif ,,,,,,,(per ora)

NB.....alcuni momenti di esagerata RI-formulazione di termini è forse un mio difetto, ma a volte lo sento necessario perchè troppo spesso il dizionario non contempla in maniera esaudiente l'astrazione concettuale che in Fotografia è facile subire e difficile spiegare.
NicolaSantolin
Messaggio: #5
Io ci vedo che oltre alla mano della donna che tiene l'uomo , c'è anche il velo... come dire "non mi scappi ora sei mio"... messicano.gif
masma
Messaggio: #6
Buongiorno, come spesso accade ci si ritrova a dover analizzare un'immagine partendo da punti di vista fotografici diversi...ed è quello che sta succedendo in questo caso! Non me lo sarei aspettato! Non mi sarei mai aspettato di dover star qui a disquisire sull'ambientazione di questa ripresa, sugli "ostacoli" visivi (si cerca sempre di analizzare tutto, anche oltre il necessario) che a volte sembrano insormontabili per approdare ad una giusta lettura del caso. Questa mia foto (interpretazione) va oltre tutto questo per me, poteva benissimo essere ambientata in un garage di un centro commerciale ed il risultato non cambiava. Sono rimasto stregato da tanta semplicità. leggerezza, purezza e consapevolezza….e allo stesso tempo da tanta forza! Non credo di aver mai assistito ad un'esibizione d'amore così essenziale ed indissolubile in un giorno di matrimonio! Naturalmente parlo per me, ma quel velo che così energicamente unisce i 2, quel braccio nell'altro (come fosse una passeggiata qualsiasi in un giorno qualsiasi), quell'ombrellino portato da lui, la loro naturalezza insomma….mi fanno dimenticare dove ci troviamo! Ricercarne l'ambientazione più adatta equivarrebbe a dirigere la ns attenzione verso una foto più perfettina, manieristica (Paolo smile.gif ), magari più valida nei mondo dei canoni fotografici usuali ma che rischierebbe di farci allontanare, ed impoverire, da ciò che trovo più bello in fotografia: il saper emozionare chi guarda!
Scusate se sono stato prolisso ma questo è il mio pensiero, ed il mio modo di approcciare alla fotografia che non è mai posata!
Grazie per il passaggio

Mas
DAP
Messaggio: #7
....allora Mass.....credo di rilevare problemi di interpretazione, sicuramente anche a causa della necessità di usare termini apparentemente impropri.........certamente, e comunque non vedo motivo di pensare diversamente, lo scatto è stato eseguito in modo estemporaneo, un istantanea, casuale, magari l'intenzione originale era altra fatto sta che , o il singolo o la sequenza , la fortuna o la perspicacia,questa è la scena ritratta scelta da proporre, questo è lo scatto che lo spettatore ha davanti ..........ora, l'amico Antonio si è espresso immaginando un altro scenario, immaginando l'assenza del capanno sulla destra, a suo parere un po' disturbante, a vantaggio di una più ampia visione frontale panoramica, a meno che, dice Antonio, ce ne sia motivo di questa "incuranza" (la struttura)...............quindi.ho provato ad esprimere quanto invece la cosa fosse probabilmente irrilevante, quanto certe immagini siano invece ausiliarie a percepire la proposta fotografica non sempre come un elogiabile dimostrazione tecnico manierista di come meglio rappresentare una determinata esteriorità , ma a percepirle come rappresentazione intima del vedere del Fotografo.......il Fotografo consapevole o meno del processo, tende a esprimere se stesso e accade che sia più appagante tanto quanto ciò che lo ha attenzionato solleciti la sua dimensione intima personale meno superficiale....( un tramonto, un paesaggio con rilievi ad una certa ora del giorno, una scena paradossalmente esplicita ....sono circostanze che sollecitano una dimensione che potrei definire superficiale)....meno superficiale è quella dimensione in cui si elaborano esperienze di maggior particolarità, che non tutti scorgono, che non a tutti interessa scorgere.........dopo di che, è vero e legittimo che allo spettatore, di quel certo interesse, di quel sottile appagamento del fotografo nel proporre "il suo modo particolare di vedere o di porsi o di cui interessarsi " allo spettatore di passaggio possa non interessare.....è oltre modo corretto oppure opportuno , secondo me, che quella "visione" non venga proposta come elargizione di una nuova teoria quantistica ma venga accompagnata da una sovrastruttura formale idonea a far recepire comunque a tutti il messaggio del Fotografo, il suo interessamento, la sua visione ......ecco come, senza alcuna intenzione di confronto "ai punti" o altre banali discutibili velleità referenziali, mi sono trovato a provare di argomentare quanto la forma e le forme e gli spazzi e le distanze che hanno strutturato la tua proposta fotografica, Mass, fossero ben idonee a consentire di potersi avvicinare ad una interpretazione che riguardasse ciò che tu avevi scorto nella "complessità" ampia contestuale ambientale .......per fare ciò, per cercare di trattare un concetto comunque sia astrattivo, ho dovuto usare parole, termini, nomi, forse sicuramente non appropriati ma credo comunque inevitabile quando si cerca di fare analisi su un prodotto, la fotografia, il cui valore espressivo concettuale è , sono convinto, opportunamente rafforzato dal valore del criterio formale, parametro che non è detto sia sempre contemplato in maniera consapevole, spesso interviene anche una specie di istintività, una specie di coordinazioni non pienamente consapevoli che ci portano a creare il click proprio "qui -adesso" ...e per quanto tu non avessi affatto considerato se quella struttura fosse "ostacolo" o meno,( ostacolo per la lecita "visione" di Antonio o opportuna "sponda" per il raggiungimento di una interpretazione più vicina alla visione del fotografo) il fatto che ci sia è stato per me supporto facilitatore per immaginare proprio la visione che hai descritto nella tua replica..............per concludere, credo Mass, che ti sia sentito di intervenire tuo malgrado a causa del mio slancio analitico che certamente ha trovato difficoltà nell'esprimersi correttamente .............concludo,secondo me, non sempre lo spettatore della fotografia dovrebbe cercare nel "COME" la priorità di ciò che è ritratto ma nel "COSA" ....fermo restando che un certo parametro formale compositivo è sempre un criterio utile per per chi si trova a dover/voler interpretare la proposta fotografica................mi scuso nel caso ce ne fosse bisogno e spero di non aver fatto ulteriore confusione, ....cosa alla quale francamente credo poco!!!!!! tongue.gif tongue.gif tongue.gif
masma
Messaggio: #8
Ciao Paolo! Ti ringrazio per questa tua elaborata e impegnativa risposta, ma ci tengo a dire che il mio intervento non era assolutamente contestativo quanto invece la mera esposizione di un mio stato d'animo quando mi trovo a scattare, o a contemplare, immagini simili! Questo per dire che non volevo assolutamente difendere una mia creatura ma piuttosto porre in evidenza come sia stata messa sotto la lente solo la presenza o meno del gabbiotto a discapito del vero soggetto della foto, che non sto qua a ripetere. Non mi sono indispettito assolutamente, ho solo provato a far emergere come a volte, me compreso, ci ritroviamo subito alla ricerca di "errori" (sembra una prescrizione medica smile.gif ) invece di, in primis, spegnere la mente e lasciarci invadere da ciò che vediamo e sentiamo….poi magari daremo seguito ad altri tipi di valutazioni del caso. Nella fattispecie, dopo aver incrociato la coppia, ho fiutato il momento ed invertito il senso di marcia (lasciando anche che mia moglie proseguisse da sola smile.gif ), ho avuto il tempo di scattare 3/4 foto ravvicinate cercando di tener nascosto il fotografo che li precedeva. Bella o non bella, buona o non buona, quello è stato un momento unico, non una foto posata...una foto riuscitissima per me e per come volevo raccontasse quel loro sentimento, anche fosse lo scatto di un altro. Nulla deve, nel bene o nel male, a quel gabbiotto! smile.gif Poi ci sta che non arrivi quanto a me e ci si concentri su altro, però gradirei mi venisse detto perché la voglia di crescere è sempre tanta e star qui a parlare di un gabbiotto in una foto che per molti non esiste, non ha senso! Spero di essermi spiegato bene smile.gif
Un saluto

Mas
DAP
Messaggio: #9
QUOTE(masma @ Mar 6 2020, 01:09 PM) *
Ciao Paolo! Ti ringrazio per questa tua elaborata e impegnativa risposta, ma ci tengo a dire che il mio intervento non era assolutamente contestativo quanto invece la mera esposizione di un mio stato d'animo quando mi trovo a scattare, o a contemplare, immagini simili! Questo per dire che non volevo assolutamente difendere una mia creatura ma piuttosto porre in evidenza come sia stata messa sotto la lente solo la presenza o meno del gabbiotto a discapito del vero soggetto della foto, che non sto qua a ripetere. Non mi sono indispettito assolutamente, ho solo provato a far emergere come a volte, me compreso, ci ritroviamo subito alla ricerca di "errori" (sembra una prescrizione medica smile.gif ) invece di, in primis, spegnere la mente e lasciarci invadere da ciò che vediamo e sentiamo….poi magari daremo seguito ad altri tipi di valutazioni del caso. Nella fattispecie, dopo aver incrociato la coppia, ho fiutato il momento ed invertito il senso di marcia (lasciando anche che mia moglie proseguisse da sola smile.gif ), ho avuto il tempo di scattare 3/4 foto ravvicinate cercando di tener nascosto il fotografo che li precedeva. Bella o non bella, buona o non buona, quello è stato un momento unico, non una foto posata...una foto riuscitissima per me e per come volevo raccontasse quel loro sentimento, anche fosse lo scatto di un altro. Nulla deve, nel bene o nel male, a quel gabbiotto! smile.gif Poi ci sta che non arrivi quanto a me e ci si concentri su altro, però gradirei mi venisse detto perché la voglia di crescere è sempre tanta e star qui a parlare di un gabbiotto in una foto che per molti non esiste, non ha senso! Spero di essermi spiegato bene smile.gif
Un saluto
ci stiamo attorcigliando e la colpa è mia.................prendo la macchina e vengo a Roma così forse ci si spiega meglio biggrin.gif

Mas

masma
Messaggio: #10
😄😄😄
Maurizio Rossi
VICE ADMIN
Messaggio: #11
La chiave di lettura di questa immagine è l'unione, a parte il contesto si vede la mano ed il velo,
anche se è una foto di matrimonio la lasciamo su questa sezione Pollice.gif
 
Discussioni simili Iniziata da Forum Risposte Ultimo messaggio