Condividi le tue conoscenze, aiuta
gli altri e diventa un esperto.
Chiedi
Rispondi
Scopri
Chiudi
TITOLO*
DOMANDA*
AREA TEMATICA INTERESSATA*

Col Treno Da Asmara A Nefasit
Rispondi Nuova Discussione
fedebobo
messagio Mar 9 2012, 12:42 PM

Messaggi: 3.534
Utente Assiduo




Buongiorno a tutti.
Quello che vorrei mostrarvi oggi è un viaggio molto limitato nello spazio fisico, inquadrato com'è in un paio di decine di chilometri, gli unici oggi percorribili con facilità. E' però, più che altro, un notevole e per me emozionante salto temporale, permettendo un'esperienza collocata a circa un secolo fa, su quella che era considerata (ma forse si può ritenere ancora oggi) la ferrovia più bella del mondo.
Si tratta di salire a bordo del treno che percorre più o meno regolarmente una volta la settimana la tratta compresa tra Asmara e Nefasit della Ferrovia Eritrea che collega la capitale con Massawa.
Qualche nota storica su questa ferrovia prima di salire a bordo è d'obbligo.
La costruzione risale ai tempi della colonizzazione italiana a partire dalla fine dell'800 e si protrarrà per i primi decenni del '900. Per l'epoca era considerata un vero prodigio tecnico ed ingegneristico, superando tra il Mar Rosso e l'altipiano dove sorge Asmara, un dislivello di 2400m in poco meno di 120km, con l'attraversamento di 64 ponti, ponticelli e viadotti, 30 gallerie, vari tornanti e tratti a spirale avviluppati attorno a pinnacoli di roccia. Stupefacenti i meri dati tecnici, ma di grande meraviglia pure i paesaggi attraversati, che spaziano dal deserto posto alla quota del mare, fino alle varie fasce vegetazionali, climatiche e pure etnografiche che si incontrano via via salendo sull'altipiano.
Essa rimase in esercizio fino agli anni 70, quando la trentennale guerra di liberazione contro l'occupazione Etiopica portò allo smantellamento totale pezzo per pezzo, che comunque era già cominciato nell'immediato dopoguerra ad opera degli inglesi prima e degli etiopi poi.
Nel 1994, dopo la conquista dell'indipendenza dell'Eritrea, si cominciò a raccattare dalle trincee ormai abbandonate le traversine ed i pezzi di rotaia da rimettere insieme.
Il problema più grosso era però fare funzionare di nuovo le vecchie vaporiere Breda ed Ansaldo e le più moderne (della metà degli anni 30.....) e veloci littorine Fiat ancora esistenti, ma abbandonate da decenni e senza più l'esistenza dei pezzi di ricambio.
L'idea brillante fu richiamare in servizio i vecchi ferrovieri dell'epoca italiana, gli unici ancora depositari dei “segreti” di quelle macchine rugginose.
E quello che costituisce uno dei principali simboli di riscatto della giovane nazione africana ed appare ai più come un miracolo, di quelli che solo in Africa possono compiersi, è da qualche anno realtà e si può assaporare su un convoglio di una o, al massimo, due carrozze condotto da ossuti e fieri pensionati.


La partenza dalla stazione di Asmara avviene prestissimo la domenica mattina.
IPB Immagine Ingrandimento full detail : 1.7 MB

Oggi ci porta a spasso una Ansaldo classe 1914....
IPB Immagine Ingrandimento full detail : 1.5 MB

Ad accomodarci sulle panche in legno dell'unico vagone di 3a classe siamo al massimo 10 o 15 viaggiatori.
In realtà siamo tutti turisti, perché oggi la velocità del treno a vapore su quelle pendenze è surclassata dal trasporto su gomma e gli eritrei quindi vanno in giro normalmente con l'autobus.
IPB Immagine Ingrandimento full detail : 1.3 MB

I binari sono più stretti dei nostri: 95 cm, ovvero il cosiddetto “scartamento coloniale”.
IPB Immagine Ingrandimento full detail : 1.8 MB

Poco dopo la partenza ci si affaccia sul ciglione dell'altipiano etiopico e si comincia a scendere lungo il tormentato percorso in direzione della caldissima piana di Massawa.
IPB Immagine Ingrandimento full detail : 1.7 MB

IPB Immagine Ingrandimento full detail : 1.1 MB

All'andata, durante la vertiginosa discesa, è fondamentale il lavoro del frenatore.....
IPB Immagine Ingrandimento full detail : 1.7 MB

Fanno veramente tenerezza le varie stazioncine, così simili alle nostre in “madrepatria”, ma semidistrutte e crivellate di colpi.
IPB Immagine Ingrandimento full detail : 1.1 MB

IPB Immagine Ingrandimento full detail : 1 MB

A bordo viene servito, nella coreografica forma tradizionale, il caffè. Si parte direttamente dalla tostatura dei chicchi, ma tanto c'è tutto il tempo, vista la velocità del convoglio!
IPB Immagine Ingrandimento full detail : 1.3 MB

Il nostro punto d'arrivo di oggi è Nefasit, la prima vera “cittadina” che si incontra scendendo dall'altipiano, nota più che altro perché da qui si parte per l'ascesa al monastero di Debre Bizen.
I binari proseguirebbero fin sul Mar Rosso, a Massawa, ma raramente ai nostri tempi il convoglio si spinge fin li.
IPB Immagine Ingrandimento full detail : 1.7 MB

Dopo aver portato la locomotiva (che in andata viaggia in retromarcia, non essendoci a Nefasit la possibilità di girarla...) in testa al convoglio, si ritorna al punto di partenza.
IPB Immagine Ingrandimento full detail : 1.8 MB

Ora in salita, la velocità è se possibile ancora più bassa. Ogni tanto si fa qualche sosta, sia per rifornire la caldaia d'acqua, che per oliare le “giunture” della vaporiera, sottoposta a grande sforzo data la pendenza.
IPB Immagine Ingrandimento full detail : 1.4 MB

IPB Immagine Ingrandimento full detail : 974.1 KB

Il passaggio del treno è comunque un evento, sopratutto per i bambini. Curiosi e per nulla invadenti i più, qualcuno ha però imparato a chiedere ai pochi turisti che varcano i confini di questo paese qualche penna, caramella o soldino.
IPB Immagine Ingrandimento full detail : 1.6 MB

IPB Immagine Ingrandimento full detail : 1.1 MB

IPB Immagine Ingrandimento full detail : 697 KB

Il passaggio delle numerose gallerie, ora che la caldaia sbuffa alla massima pressione, è pazzesco: il vagone, ovviamente, non ha vetri ed il fumo che lo invade, oltre al buio pesto ed allo sferragliare della macchina, è assolutamente indescrivibile.
IPB Immagine Ingrandimento full detail : 2.1 MB

IPB Immagine Ingrandimento full detail : 1.1 MB

Dopo circa 5 o 6 ore per poco più di 40 km, siamo di nuovo al punto di partenza ed il frenatore può dare l'ultimo giro di manopola.
Tutti coperti di fuliggine, le ossa rotte dalle panche e dagli scossoni, ma con gli occhi che brillano scendiamo quindi a terra. Di nuovo a spasso in quella che viene definita la più bella capitale d'Africa.
IPB Immagine Ingrandimento full detail : 1.2 MB

Grazie per l'attenzione
Roberto
Torna a inizio pagina
+Quota Post
Cesare44
messagio Mar 9 2012, 12:56 PM

Messaggi: 12.931
Utente Assiduo




complimenti vivissimi, sia per l'ottimo e ben documentato reportage, sia per le belle foto.

ciao
Torna a inizio pagina
+Quota Post
Ilar
messagio Mar 9 2012, 01:06 PM

Iscritto
Messaggi: 1.354





Grazie per questo bel racconto. Le foto dei bambini, della signora seduta in treno e della preparazione caffè sono le mie preferite.
Torna a inizio pagina
+Quota Post
Blackeyes
messagio Mar 10 2012, 10:21 AM

Messaggi: 94





Complimenti.. Tutte molto belle.. e che bei colori!
Torna a inizio pagina
+Quota Post
69andbros
messagio Mar 10 2012, 11:10 AM

Messaggi: 978





esperienza affascinante e ben raccontata, tanto per testo quanto per immagini.

Ambrogio
Torna a inizio pagina
+Quota Post
Vincenzo Ianniciello
messagio Mar 10 2012, 11:49 AM

Iscritto
Messaggi: 3.187
Utente Assiduo




QUOTE(69andbros @ Mar 10 2012, 11:10 AM) *
esperienza affascinante e ben raccontata, tanto per testo quanto per immagini.

Ambrogio


....concordo con Ambrogio (non e' una novità messicano.gif )...un reportage eccellente e bello da leggere e da osservare...complimenti...
Torna a inizio pagina
+Quota Post
NKNRS
messagio Mar 10 2012, 03:42 PM

Messaggi: 1.849
Utente Assiduo




L' Essenza dell' affascinante viaggio, è arrivata tutta!

Solo complimenti a te. Pollice.gif

Ciao, Roby.
Torna a inizio pagina
+Quota Post
Alex!
messagio Mar 10 2012, 05:17 PM

Messaggi: 164





Fantastico reportage !!! guru.gif

Le mie preferite sono la terza e quella con i due bambini.
Ciao
Alessandro
Torna a inizio pagina
+Quota Post
beppe terranova
messagio Mar 10 2012, 05:30 PM

Messaggi: 4.842
Utente Assiduo




grazie mille per averci catapultato in una realta de tutto meravigliosa con il tuo racconto e le immaggini molto belle complimenti
Peppe
Torna a inizio pagina
+Quota Post
Negativodigitale
messagio Mar 10 2012, 10:49 PM

Messaggi: 10.587
Utente Assiduo




Bello bello questo viaggio a "scartamento coloniale", questi volti e questa luce, così splendidamente nature.
Bravo.
Paolo
Torna a inizio pagina
+Quota Post
fedebobo
messagio Mar 10 2012, 11:55 PM

Messaggi: 3.534
Utente Assiduo




Grazie mille a tutti! Sono proprio contento che sia piaciuto.
In questo periodo sto preparando una serata di proiezioni sui miei viaggi in Eritrea e così mi sono ricordato di aver promesso mesi fa a Paolo Negativodigitale che avrei inserito in questa sezione un reportage completo su questo giretto in treno. Ora ho finalmente onorato il mio impegno. wink.gif
Devo dire che i vostri riscontri mi fanno ben sperare per quella serata. Personalmente ritengo infatti che questo non sia proprio il migliore della serie. Ma magari mi sbaglio... laugh.gif

Grazie ancora e saluti.
Roberto
Torna a inizio pagina
+Quota Post
Negativodigitale
messagio Mar 10 2012, 11:56 PM

Messaggi: 10.587
Utente Assiduo




QUOTE(fedebobo @ Mar 10 2012, 11:55 PM) *
... e così mi sono ricordato di aver promesso mesi fa a Paolo Negativodigitale che avrei inserito in questa sezione un reportage completo su questo giretto in treno. Ora ho finalmente onorato il mio impegno. wink.gif
...


Pollice.gif

smile.gif


Torna a inizio pagina
+Quota Post
vvtyise@tin.it
messagio Mar 11 2012, 06:37 AM

Messaggi: 8.487
Utente Assiduo




bellissimo documento, sia per il testo che per le foto.
Torna a inizio pagina
+Quota Post
mbbruno
messagio Mar 11 2012, 07:11 AM

Messaggi: 1.164





molto belle e intense
Torna a inizio pagina
+Quota Post
alkmenes
messagio Mar 11 2012, 09:49 AM

Messaggi: 339





Mi hai fatto fare un bel salto indietro nel tempo... E non solo in senso coloniale. Grazie!

Bellissime foto, e reportage splendido.

Se ti capita di tornare da quelle parti, oltre a provare il "bun" eritreo (il tradizionale caffè), prova a spostarti verso Keren, un centinaio di kilometri dalla capitale, per uno "Zighinì"; sarebbe un viaggio interessantissimo anche quello. (Peccato che, al tempo, non avessi la macchina fotografica con me).

Messaggio modificato da alkmenes il Mar 11 2012, 09:50 AM
Torna a inizio pagina
+Quota Post
fedebobo
messagio Mar 11 2012, 10:25 AM

Messaggi: 3.534
Utente Assiduo




QUOTE(alkmenes @ Mar 11 2012, 09:49 AM) *
Mi hai fatto fare un bel salto indietro nel tempo... E non solo in senso coloniale. Grazie!

Bellissime foto, e reportage splendido.

Se ti capita di tornare da quelle parti, oltre a provare il "bun" eritreo (il tradizionale caffè), prova a spostarti verso Keren, un centinaio di kilometri dalla capitale, per uno "Zighinì"; sarebbe un viaggio interessantissimo anche quello. (Peccato che, al tempo, non avessi la macchina fotografica con me).


Purtroppo non ho in programma di tornarci tanto a breve. Ma mai dire mai e ogni tanto un pensierino lo rifaccio. Ma sai, tra il 2008 ed il 2009 ci sono già stato 4 volte per un totale di quasi tre mesi e ci sono tanti altri pezzettini di mondo sui quali vorrei mettere piede....
A Keren sono stato 2 o 3 volte, come poi in quasi tutte le aree aperte ai turisti del paese, che purtroppo non sono poi molte.
Mi è rimasta sul groppo l'impossibilità di scendere in Dankalia. Purtroppo le notizie che sento arrivare da quel paese non mi paiono tanto confortanti da questo punto di vista (come peraltro anche per altri aspetti meno frivoli del turismo...).
Per lo zighinì passo: sono vegetariano rolleyes.gif , quindi vado su altri piatti come lo scirò, il tuntumò ecc. Visto che mi piace il piccante, direi che non mi sono mai trovato male con quella cucina... laugh.gif

Saluti
Roberto
Torna a inizio pagina
+Quota Post
 

Discussioni simili Iniziata da Forum Risposte Ultimo messaggio
Col Treno Da Asmara A Nefasit fedebobo Street e Reportage 15 11-03-2012 10:25
RispondiNuova Discussione

-  Versione Lo-Fi